Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog

L'Indebolimento Programmato del Genere Umano

Pubblicato il da G B

.

Dal sito Effedieffe di Maurizio Blondet, traggo liberamente queste illuminanti righe dalla prefazione al libro di Michel Schooyans Il Complotto dell’Onu contro la vita’:

Chiunque ha potuto constatare questo strano fenomeno: tutti gli ambienti politici occidentali, all’unisono e nello stesso momento hanno preso a legiferare per le «nozze omosessuali», come se fosse il problema più grande ed urgente da risolvere. E ciò mentre la recessione mondiale ne poneva di ben più pressanti e giganteschi: dallo strapotere della finanza speculativa senza freni alla disoccupazione di massa nell’Europa periferica, dall’iniquità sociale assurdamente crescente, agli astronomici debiti pubblici, fino allo smantellamento dello Stato sociale che aveva garantito per oltre un secolo dignità, sicurezza e una relativa uguaglianza alle cittadinanze d’Europa. Tutto questo passava in seconda linea davanti al Problema della «discriminazione contro i gay», la loro «parificazione» alle coppie normali, compreso il matrimonio e il «diritto di adottare» bambini altrui. Proteste e persino manifestazioni di piazza, indicanti una vasta opposizione a questo progetto da parte della popolazione, sono state rigettate con spregio. Per chi è appena informato di ciò che si decide dietro le quinte, è apparso evidente che i poteri governativi obbedivano ad un ordine dato. Da quali centrali è partito quest’ordine?
Il libro di Michel Schhoyans comincia a rispondere alla domanda. Schooyans da decenni analizza le strategie emanate dalle Nazioni Unite come «fabbrica» della nuova etica «invertita» allo scopo di creare un «uomo nuovo», non un più cittadino politicamente responsabile, libero e detentore di sovranità democratica, ma un essere di «genere» indeterminato, volto ai suoi piaceri privatissimi che reclama come «diritti». Diritti che i poteri forti transnazionali son ben disposti a dargli visto che non costano nulla, mentre lo spogliano della sovranità politica che è quella che conta per loro. Difatti, l’imposizione della nuova etica non è che una fase per l’imposizione del Nuovo Ordine Mondiale: un governo globale tecnocratico, governato da «tecnici» e non più da politici votati, tecnici poi selezionati dal sistema finanziario transnazionale. Si sta dunque avverando, con velocità impressionante, la tesi che Schooyan enuncia in questo libro, indicando le Nazioni Unite come la fabbrica della nuova etica e impositrice dei «nuovi diritti», con lo scopo essenziale di delegittimare gli Stati nazionali intaccandone il loro sistema giuridico, e di completare una inaudita trasformazione dell’uomo in essere zoologico.

Dal libro, riporto questo stralcio:

La «violenza delle istituzioni»: è proprio quella che ci sta opprimendo in questo tempo storico, e ciò proprio mentre ci dichiara «liberi»: liberi di ogni trasgressione, ma guai a chi si oppone alla trasgressività legalizzata: è «omofobo», e cade sotto le punizioni dell’intolleranza conformista del nuovo tipo. L’Inquisizione civile, creata apposta per controllare i dissidenti, è onnipresente: il poliziotto psichico non solo ha dalla sua le alte istituzioni dello Stato, ma anche l’«opinione pubblica», formata continuamente dalla propaganda-pubblicità onnipresente.

E’ chiaro come la legalizzazione forzata e propagandistica dell’omosessualità sia un non-problema, ossia uno degli effetti collaterali della diffusione dell’idea di falsa libertà che i governi mondiali, fieri esponenti proni al nuovo ordine mondiale, stanno distribuendo tra le popolazioni ignare e distratte da ben altre preoccupazioni. Il governo Letta non fa eccezione e si prodiga ad eseguire gli orridi dictat imposti dal governo ombra. Disumanizzare, annacquare ed intorpidire i popoli sembra siano gli obiettivi da raggiungere in un crescendo di vuote concessioni alla perdita definitiva della centratura dell’uomo nel suo ambiente naturale. Le scie chimiche, le radiazioni, gli alimenti adulterati dalla ingegneria genetica, la programmazione degli eventi, concorrono a livellare in basso, molto in basso, le caratteristiche proprie di questa umanità morente, probabilmente destinata ad una fine ingloriosa e prematura.

Una forma di riscatto è legata indissolubilmente alla conservazione della memoria e delle nostre caratteristiche migliori, represse in ogni modo, quali la creatività, il libero pensiero e l’assenza di deferenza, propria degli spiriti fieri e liberi. Guardate le genti prone illanguidire, sedotte dalle vuote lusinghe della tecnologia, l’arma per eccellenza degli inquinatori interni ed esterni. Osservate la fine di chi ha perso la memoria, la forza del passato, la chiave di lettura del futuro. L’umanità sa e saprà reagire prima che venga sommersa dal nulla. La loro è una battaglia persa, condotta con lucida disperazione da parte di chi sa di essere in difetto di possibilità di comprensione superiori. Gli scagnozzi del nuovo ordine mondiale sono degli imbecilli privi di sensibilità, vuote marionette in mani altrui, robot invidiosi di chi è ancora libero e non ha venduto la sua anima per trenta denari di latta.

.

Condividi post

Repost 0

Non Siamo Soli

Pubblicato il da G B

.

BERLIN

.

Non siamo soli: nel mondo ci sono migliaia di persone ancora 'vive' e vigili che hanno ben compreso la portata delle operazioni di bio-geo-ingegneria clandestina a cui assistiamo da circa vent'anni attoniti. Migliaia di attivisti in tutto il mondo, lo scorso 25 Agosto, hanno protestato contro le autorità, ree di mantenere al pubblico un segreto che è ormai un ‘segreto di pulcinella’ (nell'immagine la manifestazione a Berlino). In Italia abbiamo addirittura l’ammissione della Presidenza della Repubblica sulla concretezza dell’operazione comunemente nota come ‘scie chimiche’ mentre alcuni ricercatori più attrezzati in varie parti del pianeta sono giunti a rivelazioni sconvolgenti e preoccupanti sugli scopi occulti di tali operazioni.

 

La bio-geo-ingegneria è una realtà in atto ed il suo impatto sugli ecosistemi planetari è devastante. Occorre ricordare come altre operazioni siano ad essa correlate come la diffusione di sementi ed organismi OGM, o la diffusione di apparati per la diffusione e ricezione di radioonde installati senza possibilità di appello a vario titolo dalle autorità civili e militari, non ultimi i sommovimenti politici, finanziari e sociali che ci lasciano percepire come tutto sia in movimento verso una riconfigurazione generale prossima ventura deleteria evidentemente all’insegna della mancanza di libertà, ben al di fuori del controllo democratico.

 

Siamo in guerra, una guerra non convenzionale, un conflitto continuo ed elusivo nel quale non fatichiamo a scorgerne l’obiettivo: l’egemonia sul pianeta Terra e su tutto ciò che sopra di esso vive, ama e spera. Non siamo però soli ed il risveglio delle coscienze in tutto il mondo è un fattore imprevedibile ed irreversibile. Continuiamo così. Incredibili a questo punto le desolanti azioni di disinformazione in opera da decenni: le scie chimiche infatti sono una realtà.

.

Condividi post

Repost 0

Vaticini Sintetici

Pubblicato il da G B

.

Tramp2-(R)

.

Il disegno di questa copertina del celebre LP dei Supertramp, mostra la vista di New York attraverso un finestrino di un aereo di linea. La data dell’11 Settembre è chiaramente visibile dietro le torri se si specchia l’immagine, come ci mostra questo fotomontaggio dell’impareggiabile Ddees. La tecnica del ‘reverse’ è utilizzata comunemente per veicolare immagini e contenuti appena celati al grande pubblico. Anche l'ora degli attentati coincide con quella della prima colazione e la mano della 'statua della libertà' indica chiaramente le torri gemelle con la sua torcia trasfigurata in un bicchiere di succo d'arancia. Sono decine gli avvertimenti predittivi sull’11 Settembre inseriti dalla macchina della propaganda multimediale nei film, nei video musicali e nei cartoni animati. La domanda impellente è perché essi abbiano necessità di farlo e perché debbano farlo in questo modo appena sotto la soglia del conscio con così grande anticipo. Una possibile risposta QUI  

.

Condividi post

Repost 0

Sostituzione Indotta

Pubblicato il da G B

 

Scuri  astici a sei chele emergono dal Pacifico come vittime mutanti di un film di fantascienza alla ‘Godzilla’ o ‘Pacific Rim’. Le acque dell’Oceano sono investite da un motore impressionante di cambiamento: la radioattività. Nel Golfo del Messico oltre ai gamberi indigeni nati ciechi (nella foto) si assiste alla loro sostituzione con altre specie (evidentemente più resistenti a questi moderni inquinanti) i cosiddetti ‘ gamberi tigre’.

.

gamberi ciechi

Da una parte all’altra degli States le acque sono in ‘lavorazione’ su incarico di entità sconosciute. I nostri cieli non fanno eccezione: vent’anni orsono rondini, passerotti e storni egemonizzavano i cieli della capitale (già inquinatissimi ma per cause diverse) mentre oggi, A.D. 2013, il cielo è sorvegliato dalle enormi e nere cornacchie e dai feroci gabbiani che hanno abbandonato i lidi marini per rifugiarsi sopra le discariche a cielo aperto e su Roma appunto dove gli alberi secolari lasciano il posto alle edere.

 

Come ho sempre temuto stiamo assistendo ad un’operazione di sostituzione e rimodellazione degli habitat naturali verso configurazioni nuove, caratterizzate sempre più dall’anomalia, dalla ferocia, dall’attitudine predatoria.

 

Anche nel settore umano l’operazione di sostituzione è evidente da decenni. I soggetti più puri e sensibili e tendenzialmente altruistici (gli ‘animici’ come li definirebbe Malanga) sopravvivono a stento sotto le ingiurie del nostro tempo iniquo e sotto gli strali sempre più precisi, subdoli e potenti degli agenti del male, dell’indifferenza e della ferocia. Nel campo musicale ed artistico in generale, questa selezione al contrario ha portato alla ribalta gli automi del fare musica e del fare arte: esseri robotici lobotomizzati, perfetti performer freddi e deleteri, cantori di un mondo a venire agghiacciante.

 

Una nuova forma di umanità è alle porte? Le qualità eteriche in via di estinzione? In questa formattazione tecnologica diretta verso un futuro cibernetico ed ibrido, l’essere umano semplicemente non sarà più. Il transumano è la deriva di una oscura pulsione di morte, un annichilimento perentorio su scala cosmica.

 

Il cablaggio forzato delle forme di vita non è una sua implementazione ma una evidente sua sostituzione e morte. Ogni organismo, fin’anche quelli architettonici, possiede una sua integrità. L’intervento posticcio ‘high tech’ equivale a disgregarne le caratteristiche proprie, a creare un mostro che si impossessa della sua essenza originaria per giungere all’oscuramento delle qualità primigenie, alla morte appunto. Questa cupa procedura è espandibile per ogni forma strutturata sia informativa che ‘forma’. Affiancare, parassitare, aggredire e predare equivale a sostituire e quindi a ‘terminare’.

 

Guardandoci intorno però, con occhio critico e distaccato, ci rendiamo conto di essere già tutti un po’ ‘cyborg’ e viene da chiedersi quindi se vi sia una possibilità di scampo a tutto ciò. Ebbene essa c’è ed è proprio dentro ognuno di noi: una grande ricchezza ci appartiene che non riusciamo più a riconoscere.               

Condividi post

Repost 0