Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog

Scilipoti, le Scie Chimiche ed il Segreto di Stato

Pubblicato il da G B

.

(AGENPARL) - Roma, 27 mar - Abolire il segreto di stato sulle scie chimiche. A chiederlo è il senatore  Domenico Scilipoti che già nella scorsa legislatura aveva presentato un'interrogazione sul tema. Così dopo la desecretazione delle audizioni del pentito Schiavone che hanno permesso di individuare i traffici di rifiuti nella terra dei fuochi e la richiesta di declassificare gli atti riguardanti la morte di Ilaria Alpi, adesso il senatore di Forza Italia torna a chiedere l'abolizione del segreto di stato sulle scie chimiche sperando di svelare intrighi internazionali orditi ai danni della cittadinanza. Nel 2002 – scriveva -  l'Italia (nella persona di Vittorio Prodi) e gli Usa hanno sottoscritto un accordo bilaterale sulla ricerca climatica; nel 2003 l'ex ministro Martino autorizza le forze USAF a sorvolare gli spazi aerei italiani”. Da quel momento secondo il senatore di Forza Italia, il nostro Paese si sarebbe esposto ad un alto rischio per la salute dei cittadini. Le scie chimiche rilasciate dagli aerei in volo disperderebbero metalli pesanti nell'aria, provocando l'inquinamento delle piogge con danni sull'agricoltura.(…)

Domenico Scilipoti: “Si tratta di un’interrogazione che avevo già presentato nella scorsa legislatura ma che è rimasta lettera morta. La ripropongo perché le problematiche generate da queste scie chimiche, in cui si rintraccia l’uso di metalli, polimeri, silicati virus e batteri, possono provocare seri danni all’uomo e all’ambiente. A mio avviso si configura la lesione di diritti sanciti dalla Costituzione”. Ed ancora: “Bisogna sapere che i sorvoli aerei ad alta quota generano piogge chimiche con il risultato di cambiare il Ph dei terreni. E’ necessario quindi chiarire con esattezza quale influenza le scie chimiche hanno sulla salute degli italiani, pubblicando i risultati delle ricerche epidemiologiche relative alle malattie dell’apparato respiratorio, alle allergie dovute a intossicazione da metalli e alle malattie degenerative come l’Alzheimer. A tal fine, togliere il segreto di Stato su tali operazioni sarebbe decisivo. Mi auguro che il governo non eluda le problematiche richiamate”.

 

Lodevole iniziativa, è questo il vero motivo per cui l'On. Scilipoti viene costantemente ridicolizzato e vilipeso dai media di regime?

.

FONTI: dionidream - agenparl - Domenico Scilipoti

.

Condividi post

Repost 0

Delirio Biochimico sulla Capitale

Pubblicato il da G B

.

ROMA, AD 2014, 8 APRILE  - Due fatti rilevanti (eppure oramai consueti) da segnalare:

 

Il cielo della Capitale è orrendamente sfigurato dalle emissioni biochimiche illegali degli aerei serbatoio. Sono decine le scie visibili allo stesso tempo nel mentre si compatta una calotta metallica continua (del colore bianco titanio, accecante) tra la città, il sole ed il lontano cielo scuro.

 

Un essere umano su due è ormai cablato: pendono infatti dalle sue orecchie propaggini plastico-metalliche collegate ad un dispositivo di ricezione e trasmissione dati digitali tramite impulsi elettromagnetici. Orrendi alberi metallici situati in ogni dove propagano tali perniciose radiazioni da ogni singolo individuo all'altro attraverso tutto il pianeta.

 

Mi piacerebbe davvero ascoltare le parole del Vescovo di Roma mentre volge al cielo le sue orazioni serali, nell’incapacità di distinguere il sole dalla luna, dato l’elevato spessore opalescente della coltre biochimica. Vorrei dissertare con lui sulla mostruosa struttura di radio vaticana e sulle gigantesche antenne dei ripetitori che lordano le siluette dei tetti e delle cupole romane. Che facciamo, gli mandiamo un tweet?

.

Condividi post

Repost 0

EcoLife, che Cos'è?

Pubblicato il da G B

.

Viene lanciata in questi giorni una campagna di sensibilizzazione del cittadino, sponsorizzata dalla Comunità Europea, denominata ECOLIFE. Dal loro sito ufficiale: ‘Ecolife è un progetto co-finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma LIFE+2012 Informazione e Comunicazione, promosso da Legambiente, Deep Blue, AzzeroCO2, ACLI e MDC. Attraverso questa campagna di comunicazione vogliamo informare e consigliare i cittadini per scegliere un nuovo stile di vita che rispetti l’ambiente e ci aiuti a risparmiare con semplici gesti quotidiani. EcoLife ci aiuterà a capire come le nostre azioni producono ogni giorno un aumento delle emissioni che causano l’effetto serra: ogni cittadino può fare la sua parte.’

 

Alcune considerazioni in proposito: come di consueto si ribadisce la propaganda sui ‘cambiamenti climatici’, la cui colpa si individua negli errati comportamenti del singolo cittadino che dovrebbe quindi essere educato a comportarsi diversamente. L’uomo nuovo, prossimo abitante del pianeta Terra, deve essere evidentemente rieducato e reso consapevole della sua lurida impronta terrena. Cominciamo con il dire che sulla CO2, intesa come causa dei cambiamenti climatici, il dibattito scientifico è acceso ed ancora in corso. Com’è possibile quindi affermare con certezza che sia questo il problema di fondo da porre all’attenzione dei cittadini europei? Se non è possibile provare che l’emissione di CO2  sia responsabile di alcunché, com’è possibile basare tutto questo progetto mediatico su di un assunto non dimostrato? Com’è possibile infine che su questo progetto, con queste premesse, convergano i nostri finanziamenti europei? E’ il singolo cittadino la causa degli eventuali ‘cambiamenti climatici’, oppure lo sono le logiche industriali errate, le forme di produzione di energia, le scelte di massima economico finanziarie, le scelte belliche, le scelte geostrategiche prese nelle stanze dorate ed occulte del potere? La  Deep Blue infine, una partner dell’iniziativa, è un ufficio strategico che si occupa principalmente di automazione nel settore aeronautico, che c'azzecca con la riduzione della CO2 e lo stile ECO?

 

Dobbiamo anche considerare l’opzione che i ‘cambiamenti climatici’ non esistano ‘naturalmente’ ma siano indotti dalle ben note operazioni di geoingegneria clandestina in atto da decenni in ogni parte del globo: un fattore da considerare tutt’altro che minoritario. Sui ‘cambiamenti climatici’ poi il dibattito è ancora aperto, trattandosi non di un argomento scientifico come un altro ma di un vero e proprio tema politico di grande interesse, sottoposto a pressioni ed ingerenze elevatissime. Nessuno può con certezza affermare che il clima stia scivolando verso un riscaldamento complessivo, prova ne è il cambiamento di slogan politico nelle operazioni di propaganda mediatica, da ‘riscaldamento globale’ al più duttile ed indefinito ‘cambio climatico’, utilizzato dagli adepti della chiesa di ‘Climatology’.

 

Ovviamente è il cittadino, tutti noi, ad essere il problema numero uno. Lo sappiamo ormai, siamo troppi, sporchi, ignoranti, predatori ed insensibili mentre per fortuna i nostri algidi governanti non lo sono. Coloro che acquistano (volenti o nolenti) decine di inutili e pericolosi F35, non sono responsabili dei ‘cambiamenti climatici’, certo! Essi sono sempre ben vestiti, ben pettinati, compassati e gentili con noi sudditi. Quindi la ricetta proposta è sempre la stessa: ingenerare nel singolo la consapevolezza di essere nell’errore, di essere di troppo, di dover riconsiderare il proprio stile di vita per conformarlo meglio ai disumani voleri dei bianchi signori della Comunità Europea, proprio quella entità di origine esoterica che ci sta conducendo al baratro economico ed esistenziale di massa.

 

Snaturare popoli ed individui, penetrando nei loro cervelli con la bassa propaganda infondata, inutile e meschina, tralasciando di considerare l’orrore degli inceneritori per i rifiuti, dello smaltimento occulto di scorie industriali e nucleari, della farmacopea occidentale, della piaga degli OGM, delle operazioni di geoingegneria (a proposito, quanta CO2 producono gli aerei della morte al giorno?), del MUOS siciliano, della TAV alpina e dei mille e mille ignobili sprechi della lussuria istituzionale.

 

Niente di tutto questo: è il singolo povero cittadino il colpevole. Colpevole in definitiva di vivere, di procreare, di muoversi e tentare di realizzare se stesso nonostante tutto e nonostante i mille divieti operativi imposti dalle istituzioni ‘civili’, italiane ed europee. Se questo è l’ambientalismo, ebbene preferisco ignorarne in toto le istanze.

 

Ambientalisti e sedicenti verdi: guardate in faccia la realtà. La realtà è che, nella migliore delle ipotesi, siete stati cooptati per spostare l’attenzione su temi ininfluenti o marginali, per coprire i veri scempi ambientali ed i loro artefici, tutti diretti a detrimento del genere umano e del suo ambiente naturale in cui dovrebbe vivere e prosperare. Ai cittadini irretiti da tanta propaganda vorrei solo ricordare di osservare con più attenzione il cielo, il mare e la terra intorno a noi. Osservando con attenzione balzerà agli occhi chi è il vero 'seviziatore' dell'ambiente, facendo crollare di un sol colpo il senso di colpa che vorrebbero impiantarci nel profondo, vero scopo sotteso, a mio parere, di tutta questa operazione mediatica.   

.

Condividi post

Repost 0

Sulla Chiesa di 'Climatology'

Pubblicato il da G B

.orso polare

.

Arrestare i negazionisti del cambiamento climatico      (21st Century Wire)

 

La realtà ha dimostrato di essere un ostacolo formidabile per la Chiesa di ‘Climatology, quella della fede nel riscaldamento globale. Lo scorso inverno si è notato un leggero aggiustamento sulla programmazione della loro propaganda mediatica. Con i record di freddo e gelo degli ultimi anni, i ‘climatisti’ stessi sono diventati oggetto di scherno, allora i ‘riscaldamentisti’ hanno preso una decisione strategica di PR di trattenere per loro la maggior parte delle storielle isteriche sul clima ... fino a quando il clima diventa più caldo naturalmente … quando? In primavera! (stessa cosa sta accadendo anche in Italia - ndt) Anche se l'interesse nella loro ‘Chiesa’ sta cominciando a svanire, come ogni culto che si rispetti, la chiesa del "cambiamento climatico" manterrà sempre un nucleo di veri credenti – perlomeno fintanto che le donazioni e le sovvenzioni federali affluiscono in ogni caso. Più che mai, l'ordine del giorno dei ‘riscaldamentisti’ sta diventando sempre più disperato - optando per politiche più radicali e prendendo anche di mira i suoi nemici. Questo è il caso: un sicuro sito liberale, Gawker, ha pubblicato questo ultimo svarione di un provocatore Adam Weinstein, che sta chiedendo che 'i negazionisti del cambio climatico vengano arrestati'. Weinstein ha osservato che "il cambiamento climatico antropico esiste ed uccide un sacco di gente. Ed ha intenzione di uccidere ancora di più. Abbiamo sui libri di legge degli articoli per punire chiunque con le sue bugie contribuisca alla morte di persone umane" e, aggiunge, "è il momento di punire i bugiardi del cambiamento climatico." La logica altamente irrazionale di Weinstein è un po' inquietante, ed inoltre è anche in malafede. Egli ha poi urlato che "il cambiamento climatico artificiale esiste." Davvero? Esattamente come succede? Purtroppo, anche con tutto l'impatto dell’isteria di massa, nessuno ha ancora dimostrato che la CO2 di origine antropica induca il riscaldamento globale ed i cambiamenti climatici. E’ impossibile dimostrare che abbia causato alcun "evento climatico estremo", o aumentato il livello del mare - figuriamoci il provare che eventuali decessi siano stati causati da questo! Solo perché avete sentito il presidente Obama parlare dei cambiamenti climatici, non significa che esistono realmente. Giusto per chiarire che cosa ci dovrebbe essere all’interno dei confini di questo grande dibattito, il termine "riscaldamento globale" è stato introdotto dai ‘climatisti’ al seguito di una riunione del Club di Roma nel 1991 - e questo si riferiva specificamente alla presunta origine antropica del riscaldamento globale, come risultato delle emissioni di CO2. Al fine di ampliare il proprio 'bacino di utenza' e per definire a loro vantaggio eventi meteorologici che si verificano regolarmente (uragani, tornado, inondazioni, siccità e neve anche pesante), i ‘climatisti’ hanno successivamente cambiato 'riscaldamento globale' al termine sempre utile che adesso utilizzano: 'cambiamento climatico', che è molto più elastico e meno limitante di quello, ormai vetusto, di ‘riscaldamento globale’. Con il termine di comodo 'cambiamento climatico', gli attivisti ‘liberali’ possono fare libere associazioni per costruire i loro casi, cosa che è molto più divertente per loro. Hanno quel meraviglioso luccichio infantile nei loro occhi, e non hanno bisogno di tutto il processo di comprensione del clima per essere divertenti. Gli attivisti del clima sono un divertente gruppo che crede in ciò che sostiene la loro scienza ‘politica’ ma che avversano immediatamente tutto ciò che la sfida. Secondo i ‘climatisti’ radicali, la storia del clima della Terra è iniziata solo all’incirca nel 2005 (se si chiede loro di qualcosa prima di quella data, tendono ad arrabbiarsi!), quando il documentario di Al Gore, ‘An Inconvenient Truth’ è stato diffuso. I ‘Climatisti’ possono diventare anche aggressivi ed irrazionali di fronte a questioni su cosa ha causato la scomparsa dei dinosauri, oppure l’avvento delle era glaciali od il periodo di riscaldamento medievale. Come abbiamo detto, la realtà è sempre stato un problema per la jihad del clima. Una ‘chicca’ evidente della realtà che ha eluso molti seguaci del culto del clima, è il fatto che il raffreddamento globale ponga una minaccia molto maggiore per l'umanità di ogni forma di riscaldamento globale. Uno dei pericoli dei radicali verdi-fascisti non è solo la loro sociopatia, o le argomentazioni irrazionali fatte da aspiranti think tank come Adam Weinstein, ma l'intolleranza ovvia per tutte le altre osservazioni empiriche ed i dati che esistono al di fuori della cricca delle elite del IPCC. E' come se esistesse il movimento ‘climatista’ nel proprio vuoto di realtà, ripetendo solo ciò che può essere ascoltato in una loro propria cassa di risonanza. Pochi ‘climatisti’ in realtà si rendono conto che l'intero movimento del riscaldamento globale è basato su simulazioni informatiche – modellazioni, o ipotesi al computer - di ciò che potrebbe accadere in 50-200 anni di tempo, tutte basate su input di dati che sono oggi molto in discussione, soprattutto alla luce dello scandalo Climategate, lo scandalo dove lui ei suoi colleghi sono stati catturati a 'nascondere il calo ' delle temperature globali, omettendo alcuni dati climatici al fine di meglio supportare la propria tesi, il celebre grafico imbarazzante a forma di 'Mazza da Hockey', sbandierato da Al Gore in giro per il mondo. (…) Nonostante tutti i miliardi versati da parte dei governi per "dimostrare" che il riscaldamento globale antropogenico esiste, non esiste una vero e proprio "consenso" da parte degli scienziati di tutto il mondo come Weinstein ed altri sostengono. Weinstein ha fatto una serie di affermazioni incredibili nel suo articolo su Gawker, tra cui una sorta di 'stima morte' provocata dal cambiamento climatico (cercate di non ridere): "i tentativi di ingannare l'opinione pubblica sul cambiamento climatico e di bloccare quindi qualsiasi politica pubblica per affrontarlo, contribuiscono a circa 150.000 morti all'anno". Interessante.

 

La Chiesa del reverendo Al Gore di ‘Climatology’ ed il fatto che la Weinstein di Gawker vuole definire "negazionisti climatici" quelli che non sono d’accordo con loro e che probabilmente si contano a decine di milioni nei soli Stati Uniti, pone la domanda: quale sarà la loro destinazione, nei campi di concentramento? Se sono tutti colpevoli di omicidio, come Weinstein afferma nel suo articolo, allora dovrebbero essere tutti perseguiti, no? No, forse no, perché sarebbe un genocidio sulla base di differenze politiche (sì, la questione del cambiamento climatico è al 100% politica!) . Hmmm, che cosa ci fa venire alla memoria tutto ciò?

.

Condividi post

Repost 0