Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog

La Battaglia Eterica per la Vita Eterna

Pubblicato il da G B

polifemo1 

              La Battaglia Eterica per la Vita Eterna

Dalle ormai migliaia di sedute ipnotiche e testimonianze (anche storiche) sulle interferenze tra esseri umani ed altre entità senzienti, possiamo segnalarne alcuni aspetti rilevanti:

Sembrerebbe che un vero e proprio nugolo di entità poste a livelli differenti dal nostro per densità e frequenza, insistano sul nostro pianeta e sulla nostra natura di esseri umani da sempre. La natura terrestre rappresenterebbe per loro un’occasione ghiotta per ricavare una qual forma di energia che le loro ‘razze’ hanno inesorabilmente perduto, forse a scapito di un’evoluzione prettamente indirizzata al solo sviluppo tecnologico oppure per altri motivi, tra cui quelli ambientali od evolutivi.

Alcuni di questi gruppi di entità sarebbero infatti al limite dell’estinzione. La loro capacità riproduttiva e di accumulare energia sarebbe ridotta al minimo, per questo motivo avrebbero deciso di sfruttare l’energia insita nella natura umana e nella biosfera terrestre. Tale sfruttamento avverrebbe sovente al di sotto di un accordo strategico ed operativo tra razze aliene diverse e gruppi di potere terrestri, questi ultimi prevalentemente situati negli ambiti militari, religiosi e politici.

Gli interventi non avverrebbero solo sul piano eterico ma anche su quello fisico. Alcune razze tenterebbero disperatamente da millenni di generare un essere ibrido umano-alieno al fine di produrre un ‘contenitore’ biologico compatibile in grado di permettergli la continuazione delle proprie esistenze nella nostra dimensione. Non è detto poi che tale ‘contenitore’ non sia già presente ed attivo sul pianeta.

In definitiva ed in estrema sintesi staremmo assistendo ad una specie di lotta interdimensionale per la vita eterna o, quantomeno, per l’evoluzione sicura delle diverse specie, ognuna in opposizione tra di loro in un’apparente disegno generale di cooperazione. Molto simile in definitiva è la vita sul pianeta Terra: specie differenti interagiscono, spesso in modo violento (come nel caso tra predatore e preda) oppure elusivo e parassitario, per garantirsi la sopravvivenza del genere a scapito degli altri. Il parassita in particolare non desidera ovviamente l’annientamento delle specie oggetto del suo appetito ma solo la loro subordinazione. Un parallelismo è possibile tra forme di parassitaggio prettamente ‘terrestre’ ed altre cosiddette ‘eteriche’ od extraterrestri, ossia (più correttamente) presenti in altri livelli energetici con densità differenti? 

 L’essere umano possiederebbe quindi una notevole fonte di energia di cui è massimamente inconsapevole.

Il parassitaggio eterico sarebbe allora un’operazione complessa da condursi in molti livelli diversi, gestita da numerose razze differenti con intenti simili anche se a volte non coincidenti.

L’interazione tra razze aliene ed esseri umani collaboranti produrrebbe nequizie indicibili. Il cosiddetto satanismo sarebbe appunto una di queste: un'attitudine indotta propriamente disumana, ossia in opposizione agli interessi ed alle idealità propriamente umane. Pedofilia, sacrifici umani, inganni e seduzioni sarebbero gli effetti deleteri di questa interazione criminale. Clonazione, manipolazione genetica e controllo mentale gli strumenti di questo intervento clandestino. L’interazione tra specie diverse ed i tentativi di fusione genetica e le commistioni spirituali eteriche genererebbero veri e propri fenomeni di degenerazione morale, etica ed anche biologica.

La pressione aliena nulla trascurerebbe e nessuno; sono molti gli aspetti del vivere terrestre che andrebbero riletti come conseguenze dirette dei programmi di controllo mentale di massa alieno che vedono, in primo piano, le azioni convergenti delle religioni organizzate. Le operazioni di inquinamento intenzionale della biosfera sarebbero anch’esse finalizzate allo svolgimento di questo progetto generale che va avanti da millenni.

Noi siamo stati abituati sin da piccoli a tenere distinti il piano prettamente materiale e fisico da quello eterico e spirituale. Le entità evolute dotate di coscienza (anche quelle umane intendo) sanno invece molto bene che tali ‘piani’ sono coincidenti e reciproci. Le interazioni avvengono a più livelli perché il livello è in realtà uno solo. Siamo noi a definire confini che non esistono. Ecco spiegata probabilmente l’attenzione alla simbologia ed alla numerologia oppure all’astrologia delle caste sataniste: si tratterebbe di strumenti involucrati all’interno del malsano ed unico ordinamento parassitario del genere umano.  

L’uomo emergerebbe in questa tenzone alquanto sollevato nella sua autoconsiderazione. Si delineerebbe infatti la autopercezione di un essere potenzialmente superiore e molto potente, in grado di liberarsi per sempre da queste pressioni e manipolazioni malevole con un semplice ‘atto di volontà’. Quella volontà che alcuni tentano in ogni modo di svilire. Chiamiamola meglio creatività, amore o semplicemente attenzione cosciente ed avremmo probabilmente la chiave per la nostra rinascita, liberi da interferenze malevole.

Che tali presenze infatti siano reali oppure frutto della nostra trasduzione metaforica poco importa. La lotta nel labirinto esistenziale che ognuno di noi compie ha come scopo principale la nostra liberazione. ‘Salvezza’ è il nome che le religioni gli hanno donato forse per coprirne la sua reale portata creativa.

Ulisse (nell'immagine sopra, nell'antro di Polifemo) ci ha insegnato a liberare le nostre case interiori dai parassiti che l’abitano senza diritto e senza morale. Il nostro ritorno è forse vicino? … vedi:


http://www.ibs.it/code/9788889874509/malanga-corrado/alieni-demoni-battaglia.html

http://www.calogerogrifasi.it/it/


Condividi post

Repost 0

Un'Esperienza con l'Ayahuasca

Pubblicato il da G B

 

Una Esperienza con l’Ayahuasca

ricevuto da una lettrice in forma anonima (adattamento di freeskies)

Nel 2009 mi trovavo con mio marito in viaggio in Perù, con destinazione nord del paese, Trujillo, Cajamarca e la mitica Chan Chan. Durante una tratta in uno dei bus della Cruz del Sur abbiamo fatto amicizia con una coppia, lui gallese lei svizzera, e ci siamo trovati a parlare senza alcuna remora come capita con le amicizie collaudate. Stavano andando a Pucallpa per incontrare uno sciamano che organizzava una settimana di ritiro prima di assumere l’ayahuasca. Avevo letto delle esperienze con la sostanza da Michael Harner, Graham Hancock, Caetano Veloso ed anche David Icke, ma non avevo mai pensato che la questione potesse riguardarmi. Non pensavo a me come candidata possibile di una cerimonia con bevande allucinogene. Con la mia formazione giuridica, solidamente razionale e scettica, gia’ mamma e moglie di un ingegnere, disinteressata a cio’ che non fosse concreto, ecco come mi sarei descritta.

Arrivati a Pucallpa ci siamo aggregati al gruppo, circa 30 persone di varie nazionalita’ occidentali, verso il posto prescelto per la cerimonia, che era all’interno della selva amazzonica. Qui sotto la guida dell’ayasquero don Augustin ci siamo preparati per qualche giorno alla cerimonia, non mangiando carne ed evitando fumo ed alcool. Don Augustin era un omino piccolo e smilzo che emanava una grande autorità, una delle poche persone che ho conosciuto a cui potrei attribuire il titolo di “figura paterna”. Al suo cospetto ci si sentiva sotto controllo, retrocessi a un idilico momento nel’infanzia dove qualcun altro si curava di te. Parlando spagnolo mi sono trovata nella felice posizione di comprendere e apprezzare il suo spiccato umorismo ed il polso con cui conduceva un gruppo di adulti che non lo capivano.

La notte della cerimonia ci siamo trovati tutti insieme a sedere in cerchio su una stuoia in una struttura circolare col tetto di paglia. Sentivamo una corrente di solidarieta’ circolare tra di noi e, spontaneamente, ci eravamo divisi ed aggregati tra neofiti e veterani. Assaggiato l’infuso di chakruna, ci assalì un sapore disgustoso, tra l’acido, il rancido e l’amaro, indescrivibile. Ad un momento prestabilito le luci delle candele vennero spente perche’ dovevamo stare nell’oscurita’ totale. Nel buio si sentiva don Augustin cantare gli icaros, versi ispirati dalla pianta che egli cantava in onore della pianta. Difficile dire quanto abbiamo aspettato prima di avvertire i primi effetti ma ad un tratto ti trovi come avvolto da fasci luminosi, vortici di luci psichedeliche, luci danzanti, luci piroettanti, ogni genere di luce mi si parava davanti, dentro, sotto, sopra. Non so descrivere la meraviglia. E poi forme, fiori, cascate di colori. Ad un tratto una formazione di losanghe marciano verso di me e pulsano, scomponendosi come se fossero formate da decine di specchi, si ricompongono, si restringono e si allargano. Pur rapita da questa visione mantengo il contatto con la realta’ e sento che qualcuno accanto a me ansima come un mantice. Comincia a farsi strada il senso dell’udito, reale, e mi riporta il suono di qualcuno che vomita. Mi pare di sentire tutto un digrignare di denti. Mi prende un gran freddo ed inizio a tremare. Chiedo a mio marito di coprirmi con la coperta e poi devo vomitare.

Comincio a vedere meno armonia nel pattern che mi danza davanti agli occhi, le immagini si fanno frastagliate. Mi sembra che qualcosa mi tiri forte dalla testa, dal cranio, e che il corpo non obbedisca piu’ a me. Ho la sensazione di cadere in un abisso nero. Cado in uno spazio nero che mi sembra infinito però claustrofobico, poi perdo il senso del corpo ed il panico mi inghiotte perche’ provo una solitudine totale, assoluta ed immagino di stare per morire. Non sento più suoni né il corpo, percepisco questo vuoto nero e ostile in cui precipito e mi sento in trappola. Ad un tratto, debolmente, non voglio morire. Comincio a piangere. Dal buio si apre una porticina da cui marciano questi omini che sembrano anche bambini, un po’ robottini, che mi raggiungono e mi infilano degli arpioni con cui tirano, ed io provo un terrore non descrivibile. Sono a pezzi, tirata da questi arpioni/uncini, sono in cento pezzi ed ogni omino tira un pezzo e la mia voce  implora perdono e dice che non lo farò più. Sento in lontananza una musica.

Ricomincio a vedere bagliori di colori, più tenui, e realizzo che sono viva. Mi pare che mi vengano incontro delle braccia di pianta, come alghe colorate, penso che la pianta sia femmina. Ha un volto come quello delle divinità del candomblé bahiano, lunga, tipo maschera di legno. Mi consola. Capisco ora cosa si intende per traboccare di gratitudine. Dai miei pori fuoriesce un mare d’acque e io ripeto grazie, grazie, grazie, un milione di volte.

Dopo un certo tempo riesco a riaprire gli occhi e vedo il mondo ancora un po’ distorto ma familiare. Piagnucolo perché è bello. Sono passate 5 ore, mi diranno poi. L’effetto della pianta non e’ del tutto sopito, sono debole e ho la nausea. Vorrei strisciare.

Non prendo parte alle altre due cerimonie previste. Nessuno mi aveva preparato allo spavento che ho provato, convinta come ero di stare morendo. Don Augustin ci dice che la pianta ha un messaggio per ognuno, e che sta a noi ascoltarlo una volta che l’effetto dell’infuso si spegnera’ lentamente, nei giorni successivi. Personalmente se ho ricevuto un messaggio probabilmente non sono stata in grado di recepirlo. L’esperienza non mi ha resa migliore. Mi pare che la pianta mi abbia masticata e sputata via.

Ma coloro che avevano problemi di salute ne hanno tratto giovamento. A loro la pianta ha parlato con chiarezza, dispiegando i suoi effetti benefici. Un ragazzo belga che aveva un tumore allo stomaco mi ha giurato di essere guarito. L’avevano dato per spacciato ed invece un anno dopo mi scrive che sta bene, come gli aveva detto la pianta e prima ancora don Augustin. Una ragazza spagnola aveva problemi psicologici perché si sentiva responsabile del suicidio della madre. Dopo anni di depressione si colpevolizzava per non averlo saputo prevenire ed impedire. Ci ha scritto che la pianta l’ha consolata e che è stata in grado di farle domande a cui ha ricevuto risposte.

Mio marito ha avuto una visione tranquilla, con qualche problema a trattenere la pozione nello stomaco. Ha visto delle cose che l’hanno rasserenato, quanto a cambiarlo o a impartirgli degli insegnamenti direi di no anche nel caso suo. Eppure entrambi avevamo/abbiamo dei nodi emozionali di situazioni irrisolte su cui non mi sarebbe dispiaciuto avere un suggerimento risolutivo.


Condividi post

Repost 0

Distruggi Italia

Pubblicato il da G B

 

Appare ormai un aspetto palese dell’azione politica del governicchio Renzi e di quelli precedenti: quella di affossare definitivamente il paese dello stivale, togliendogli l’ultimo baluardo di civiltà che gli ha impedito di sprofondare completamente nella barbarie, il suo passato.

Con quest’ansia ‘rottamatrice’, il buffo personaggio fiorentino alla guida politica della nostra penisola tenta di congedare lo scudo principe degli italiani contro l’inciviltà dell’arroganza e della sopraffazione: il vecchio, l’antico.

L’Italia deve tutto al suo passato. Senza la mole di memorie fisiche e culturali profondamente umane che la caratterizzano, l’Italia non è altro che un lembo di terra di conquista in mezzo ai mari, un’appendice dell’Europa predatrice, un ponte naturale verso il petrolio marino e le risorse d’oltremare, un serbatoio di mano d’opera ad alta specializzazione ma dal costo bassissimo.

In questo la stanno riducendo. Con quell’arroganza mista ad ignoranza tipicamente comu/catto/masso/scoutistica, stanno procedendo ad eliminare le ultime barriere che separano il popolo che insiste su questo territorio e la sua dissoluzione, sia fisica (basti pensare al dilavamento alluvionale indotto) che psichica, sia sufficiente osservare la mole di operazioni di controllo mentale di massa in corso.

Perché distruggere l’Italia?

Perché era/è un paese meravigliosamente ricco. Popolato da genti civili e diversissime tra di loro eppure solidali e profondamente felici di interagire. Perché era un paese dove poteva compiersi il miracolo di gustare prodotti alimentari antichi, unici ed incontaminati, mentre si costruiva il più sofisticato dei satelliti spaziali.

L’Italia era un serbatoio unico di umanità al suo massimo splendore. Picchi inarrivabili di generosità, acutezza, cultura e scaltrezza emergevano abbondanti dalla sua solida e longeva popolazione. Ovviamente tali genti erano capaci anche delle peggiori nequizie, non esiste il bene assoluto senza il male infatti.

Non si tratta allora di un elogio alla memoria ma di un disperato tentativo di impedire lo scempio finale. Riprendiamoci il paese prima che sia troppo tardi. Riprendiamoci innanzitutto noi stessi, impedendo alla disgregazione di coinvolgerci e poi volgiamo lo sguardo intorno a noi. Quanta miseria, quanta infelicità, quante mirabolanti occasioni gettate a mare ... eppure quante risorse e possibilità!

Un tempo erano i fascismi e le congreghe palesi ed occulte a distruggere il paese, oggi l'osceno pensiero unico di una sedicente modernità che nasce vecchia e decrepita, con il suo odore nauseante misto di incenso, alluminio, silicio e, purtroppo, fango.


Condividi post

Repost 0

Distrazione di Massa

Pubblicato il da G B

 

Armi di Distrazione di Massa

Anche da un’osservazione superficiale della società degli uomini è possibile scorgere l’attività di quelle che definirei armi di distrazione di massa. La maggioranza della popolazione mondiale ‘evoluta’ è infatti irretita a volgere la sua attenzione ad aspetti della vita sociale futili, inutili, dannosi, posticci.

Il primo di questi aspetti è il teatrino della cosiddetta POLITICA. L’andirivieni di personaggi di bassissima statura intellettuale e dal grande ego individuale servono solo per non indurre a noia lo spettatore di tale deludente rappresentazione scenica del NULLA. Non è certo in quel contesto che si trovino coloro che conducono i destini del mondo, no? Perché allora perdere tempo nel seguire una brutta ed inutile rappresentazione?

Il secondo ed il terzo di questi stratagemmi li associo: VIAGGI PREMIO ed ATTIVITA’ FISICA COMPULSIVA. Il cosiddetto ‘tempo libero’, libero davvero non lo è più. L’impiegato medio, è stato persuaso a compiere questo rituale: appena terminato il suo defatigante e generalmente vuoto turno di lavoro, si infila una bella tutina acrilica, le cuffiette con musica satanica (rigorosamente a 440 Hz), e si getta per strada, oppure in parchi maltenuti, per stordire se stesso ed il proprio corpo in un’estenuante maratonina senza senso per le vie urbane, avulso dal contesto, dimenticando così i suoi simili e se stesso.

Se il cosiddetto ‘tempo libero’ dovesse superare i 4 giorni consecutivi, la macchina della distrazione di massa, offre l’oscenità del secolo: il viaggio in località esotiche. Ovviamente non sto parlando di viaggi che seguono motivazioni profonde ed esigenze specifiche. Nella parte prettamente consumistica del 'viaggio' accade che stormi di esseri umani vengano scodellati da aviolinee posticce in luoghi remoti, attratti dal loro nome suggestivo (Sharm el Sheik?), per osservare una porzione di pianeta Terra che non gli appartiene, prima di ripiombare nella propria quotidianità ancora più depressi, logorati, delusi ma con i trofei da esibire: un milione di fotografie ritoccate ed una ustione al volto che definiscono eufemisticamente ‘abbronzatura’.

L’arma di distrazione più efficace ed alla portata di tutti è però il CALCIO. Tale innocuo gioco, dai risvolti compagnoneschi, ha saturato i palinsesti per diventare la vera Koiné dei nostri tempi: il linguaggio comune imposto dai vertici per le masse. Attorno a codesto ferino gioco (ricordo infatti come il calcio non sia uno sport) ruotano non a caso miliardi, lustrini e personaggi da malaffare.

Occorre citare a questo punto la CURA del CORPO e l’ubriacatura da orpelli elettronici. Sto parlando ovviamente di quelle attività compulsive e deleterie che distraggono le masse e le portano a compiere veri e propri scempi disumani come le sedute di chirurgia estetica. Le ore perse ad intossicarsi la cute nei saloni di bellezza oppure a sottoporsi ai letali raggi UV. La salute inficiata dall’ingestione di complementi alimentari industriali.

Le file per l’acquisto del nuovo smart-phone sono anch’esse abili operazioni di distrazione di massa. Ignari giovinastri (e non solo) perdono mesi del loro prezioso tempo a far scorrere le proprie dita su di un guscio di silicio radioattivo che non darà loro nessuna risposta.      

Esistono ovviamente altri mezzi per distrarre le masse, anche più snob ed elitari di quelli citati oppure più antichi come le religioni organizzate ad esempio, ma il loro scopo è sempre lo stesso così come la direzione da cui provengono: la cupola che gestisce la vita sociale fin nei minimi dettagli perché ogni essere umano è un obiettivo da raggiungere e controllare. Sbaglia davvero chi pensa di tuffarsi dentro un ‘social network’ senza proteggersi: ognuno di noi possiede qualcosa da conservare con cura e da implementare (brutto verbo ma non me ne vengono di migliori) senza che altre mani rapaci ne approfittino.

Conclusione

Per poter scardinare il manto di controllo che ci è stato calato sopra è necessario in primis recuperare se stessi, allontanandosi dalle gabbie bassamente seduttive che mani esperte hanno posto, camuffate, dinnanzi a tutti noi. E’ una corsa ad ostacoli che possiede una sola regola ed un solo obiettivo: seguire se stessi per riscoprire se stessi, la propria individualità che nasconde aspetti sorprendenti. Buon lavoro: un grande regalo è a disposizione di ognuno di noi alla fine del percorso. Occhio alle truffe ed alle scorciatoie premasticate della new age però!


Condividi post

Repost 0