Movimento Scout e Massoneria

Pubblicato il da G B

 

Sul movimento ‘scout’ non si può dire che bene? Che il nostro inatteso presidente del consiglio sia stato uno scout, nessuno ha da ridire. Cosa accade invece quando si fa luce sull’origine del movimento, sulle sue finalità e sugli uomini che lo prefigurarono e su quelli che ne gestiscono le fila a livello nazionale ed internazionale? Nel link a fondo post, del sito ‘againstfreemansory’ (contro la massoneria) si tracciano gli eventi e si indicano i protagonisti della genesi del movimento scout, sulle loro finalità e sullo scopo ultimo per il quale il corpo degli scout è stato fondato e diffuso in tutto il mondo, nel quale la massoneria gioca un ruolo tutt’altro che marginale. I fondatori dello scoutismo (Robert Baden-Powell, ispirato da Rudyard Kipling e dal pedagogista Ovide Decrolye) erano massoni, così come furono massoni i fondatori della Croce Rossa e dell’Onu. I vertici attuali del movimento scout statunitense, frequentano regolarmente logge massoniche. Si tratterebbe quindi di una operazione mondialista decisamente ispirata e condotta da palesi principi massonici.

Il problema della origine massonica dello scoutismo, non riguarda la sicura buona fede dei tanti scout odierni, eppure occorre ricordare come la massoneria sia una religione esoterica che adora un Dio/Arconte/Grande Architetto denominato ‘Baphomet’, lo stesso inquietante idolo venerato dai cavalieri templari. Con queste premesse risulta davvero difficile accostarvi gli sbandierati principi ideali e razionali, che si vorrebbero come unici, a monte degli interessi massonici in generale e delle loro filiazioni societarie come quella dello scoutismo.      

Che l’approccio con la natura debba essere mediato da organizzazioni piramidali e militaresche, come quella degli scout, mi ha sempre sorpreso. Sul fatto poi che il cameratismo forzato sia da considerarsi un aspetto comunque positivo del vivere comune e dell’educazione di un fanciullo, ci sarebbe da discutere. Rimane il fatto che lo scoutismo contenga in se un serrato aspetto gerarchico, con gradi ed ordini, giuramenti ed obbedienze che mal si conformano, a mio parere, con il delicato procedere della natura e con l’educazione di bambini e ragazzi.

Lo scoutismo prelude quindi ad un futuro di obbedienze e credenze impossibili da criticare ed al rispetto per i gradi superiori e le gerarchie. Le vistose divise inoltre mal si conciliano con lo sviluppo dell’individualità ed il pericolo di un’omologazione forzata, con queste premesse, è davvero elevato. Sono convinto che moltissimi ex scout serbino un ricordo eccellente delle loro avventure all’interno dell’organizzazione, eppure tali esperienze potrebbero aver coinvolto nel profondo la loro personalità, inculcando nelle giovani menti aspetti che magari non sono mai stati successivamente risolti interiormente con la dovuta attenzione.

Che il nostro sorprendente attuale premier sia stato quindi uno scout dovrebbe far riflettere invece che destare soltanto assensi edulcorati. Le strutture sociali imposte, soprattutto se gerarchiche, dovrebbero sempre indurre all’attenzione ed all’esercizio del pensiero critico, sulla base del buonsenso. Occorre vigilare, soprattutto su aspetti del vivere comune dati per scontati ma che scontati non lo sono affatto.

 

http://againstfreemasonry.wordpress.com/2013/11/05/i-boy-scout-e-la-massoneria/

http://www.massoneriascozzese.it/faq1.htm


Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

franco 10/20/2015 13:48

non trovo il nesso fra religione e scoutismo. lo scoutismo è un movimento mondiale che deve prescindere dall’appartenenza religiosa dei ragazzi. che cosa mi volete dire, che se bussa alla porta degli scout un buddista, un presbiteriano o un musulmano prima dovrebbe essere convertito poi ammesso? questo é assolutamente contrario a ogni principio scoutistico. gli scout insegnano ai giovani i principi di tolleranza e fratellanza mentre questo signor Giacinto che scrive in un modo così esacerbato di interferenza sataniche a destra e sinistra mi pare che di tolleranza non ne abbia un briciolo. gli scout devono portare nel mondo parole di pace e fratellanza e non integralismo, fanatismo religioso e divisione. siamo tutti uguali e tutti fratelli quale che sia la nostra origine, la religione o la fede politica. Fratelli diversi perché intelligenti e liberi di pensare ognuno a modo proprio, ma tolleranti delle idee altrui