Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog

Solve et Coagula

Pubblicato il da G B

.

solve et coagula

.

Come si esce da questa situazione? I nostri risparmi sono divorati da una tassazione brutale, realizzando uno stato totalitario di fatto in quanto è depressa ed inibita l’iniziativa privata. Leggi e regolamenti, in aggiunta, sono diventati così farraginosi da impedire o comunque inibire la libera impresa. La giustizia in tempi umanamente accettabili è solo un desiderio vano, la nostra salute è affidata all’adempimento di protocolli verticistici: siamo soli con cani affamati alle calcagna, che attendono pazientemente la nostra resa per consunzione.

In un contesto come questo veniamo cullati da imbecilli litanie come quelle dei nauseanti teatrini delle religioni, dello sport meccanizzato e della politica: i linguaggi universali del nulla. Dove c’è sistema c’è inganno e finzione. Dove c’è propaganda, innaturalezza ed ipocrisia. Dove esistono paraventi, qualcosa da nascondere.

Conduciamo vite scisse e dissociate, immaginandole come ‘normali’ ed invece son ‘normate’! Navighiamo troppo lontani dai nostri più alti desideri. Viviamo nei solchi delle arature dei campi, incapaci di liberarsene. Dovremmo uscire dalla griglia, temo però che sia troppo tardi: abbiamo consumato il nostro tempo in inutili andirivieni, pettinando il vuoto, osservato la dissoluzione e scambiandola per progresso.

E’ ora, immagino, di girarsi e tornare indietro, muovendo controcorrente, impedendo al nulla di inghiottirci. Ogni nostra azione va misurata, ogni gesto dedicato alla nostra ed altrui dignità. Fermiamoci un attimo a ponderare la situazione, ad osservare ed osservarci, con il nostro passo incerto, i gesti compulsivi, le finalità posticce, non nostre ma lasciateci aderire addosso. Tiriamo un lungo sospiro ed immaginiamoci un mondo diverso, in lento e pieno divenire.

Il traffico è una mera illusione, gli orari ceppi per galeotti. Le nostre lunghe cravatte, un retaggio dei collari di ferro a catena. Il nostro peggior nemico siamo noi o meglio, la parte di noi che non ci appartiene. Quella parte che è stata costruita dentro di noi con finalità nichiliste ed immorali, desolantemente vuote.

Ogni giorno, magari senza rendercene conto, evochiamo i fantasmi della dissoluzione. Fermiamoci un attimo, proviamo ad invertire la rotta. Le strade che percorriamo sembrano illuminate e ben lastricate, temo davvero che non portino a nulla e che questo apparente comfort nasconda invece la nostra peggiore insidia. Abituandoci al nulla, ne siamo divenuti dipendenti.

Silenzio, stasi, osservazione. Dedichiamo la nostra vita consacrandola a gesti immoti. Impediamoci di scivolare nel grottesco. Ogni passo va ponderato, ogni parola sussurrata dapprima a noi stessi e poi a chi amiamo. Opporsi alla dissoluzione vuol dire vivere l’unità. Viviamola con ironia e con pienezza, solo noi conosciamo il segreto più nascosto. Non le sette o le congreghe: quelle costruiscono solo cattedrali di cartapesta, cupi scenari fragili come neve al sole.

Vincerà il nostro silenzio assordante, le nostre azioni immote, la poderosa energia del lume di una candela.

Per la ricostruzione dell'opera di Piero della Francesca, qui sopra parzialmente mostrata, si veda  QUI.

.

Condividi post

Repost 0

L'Arte della Guerra

Pubblicato il da G B

.

silence!

.

E’ difficile ammettere di vivere sotto gli strali di veri e propri avvelenatori del genere umano che le studiano tutte pur di rendere l’ambiente antropico ostile e pericoloso. Non è facile ammettere che c’è chi studia e si adopera notte e giorno per diffondere veleni con effetti devastanti a breve, medio e lungo termine. Assai più semplice sarebbe giustificare la presenza di tali veleni come una conseguenza collaterale del progresso tecnologico, il problema è che abbiamo ben capito come il progresso non esista, piombati come siamo in un lugubre scenario da tregenda.

 

Immaginando per assurdo che le scie chimiche siano solo scie di condensa, cambierebbe ben poco per la nostra consapevolezza, basterebbe infatti riflettere sulla diffusione esponenziale degli organismi geneticamente modificati che ormai la fanno da padrone in tutti gli ecosistemi. Tali organismi (sementi ed animali) rappresentano un pericolo incommensurabile alla biosfera ed in particolar modo ai mammiferi (noi compresi ovviamente) portando alla sterilità dopo sole tre generazioni e causando indicibili mutazioni morfogenetiche in chi li consuma.

 

Basterebbe inoltre osservare la moria di piante ad alto fusto (ma non solo quelle) per rendersi conto di come le radioonde, diffuse ovunque, incidano feralmente sullo sviluppo e sulla salute della flora, in associazione con nanoparticelle...di quale origine?

.

DSCF1947

.

Bisognerebbe inoltre rammentare l’origine probabilmente dolosa (haarp) del cosiddetto incidente alla centrale atomica di Fukushima, le cui conseguenze appaiono drammatiche, in grado addirittura di inficiare gli ecosistemi, non solo dell’Oceano Pacifico ma, secondo alcuni esperti, di tutto l’emisfero boreale; oppure ricordare la fluorizzazione coatta dell’acqua potabile in molti stati nord americani. Potrei continuare ricordando a tutti l’artificialità dei cosiddetti eventi di cronaca perlomeno degli ultimi vent’anni. Due decadi che hanno visto gli inquinatori alzare decisamente il tiro su di noi, tutti noi.

.

fluoride dees

.

In questo contesto, alcuni hanno deciso di osservare tali operazioni e di comunicare gli esiti delle loro ricerche ai propri simili. Trattandosi di persone umane, non sono certo immuni dall’errore, però hanno donato a tutti frammenti di verità sulle quali costruire la propria percezione dello scenario che abbiamo intorno, continuando peraltro benissimo e per fortuna a farlo ancora.

 

Sempre osservando il contesto abbiamo compreso come gli apparati statali e sovrastatali si stiano chiudendo a riccio contro i cittadini che dovrebbero invece tutelare e proteggere. Le organizzazioni internazionali (come l’ONU, l'UE o l’OMS) hanno tramato contro l’umanità in alcune circostanze di procurata emergenza come le fantomatiche influenze suine, aviarie o quant’altro. Lo stato italiota sta facendo di tutto per rendere precario non solo il lavoro ma la vita stessa dei suoi cittadini, facendo regredire con successo l’economia ai livelli dell’immediato dopoguerra. Meglio non parlare di sanità e giustizia: sono milioni le cause pendenti contro la malasanità in Italia, in un contesto a dir poco incerto come la gestione stessa della giustizia contro cui non è possibile in definitiva appellarsi.

 

Ovviamante potremmo accennare alla propaganda subliminale e palese delle forze della dissoluzione che vanno dalla diffusione di distorsioni fono/video sino ai suggerimenti coatti ed ipnotici verso stili di vita deleteri, indirizzati agli sport compulsivi, con la loro reiterazione maniacale di movimenti meccanizzati, alla reiterazione di rituali pagani o ‘satanici’ come lo sono taluni concerti 'pop' oppure i sabato sera all’insegna della desolante droga sintetica e dei timpani rotti dentro quei luoghi oscuri ed innominabili altrimenti, definiti quindi impropriamente discoteche (con tanto di wi-fi allegato). Oppure alla propaganda elusiva ed immorale indirizzata ai bambini, per abituarli a condurre vite sceme e degenerate, come quelle degli osceni pupazzi teletubbies dal sorriso attonito: si legga al proposito QUI e QUI.

.

teletubbies 3

.

Giungendo all’oggi, a seguito delle pressioni indebite subite da chi si adopera per il bene comune (quello supremo: della conoscenza), occorrerebbe riflettere su alcune istanze di carattere sostanzialmente strategico, un po’ in controtendenza.  L’Arte della Guerra insegna come affrontare o meno un nemico, sfruttandone forze e debolezze. La disinformazione è in alcuni campi molto forte, irrobustita com’è dal consenso dei sistemi. In altri settori però è totalmente sguarnita. Mi riferisco alle dimensioni eteree del pensiero, a quelle forme di comunicazione sottile ma dalla grande energia creativa, in contesti elevati impossibili da raggiungere dai bassi latrati degli operatori ultimi della dissoluzione organizzata, incapaci di comprendere, ad esempio, l'ironia.

 

Comprendo di andare in controtendenza ma forse questa è l’unica via da seguire. L’inquisizione non si è mai arrestata. Non viviamo in contesti civili. L’oscurantismo non è mai stato così pervasivo e pressante. I contesti sono tutti inquinati. Cosa ci rimane da fare allora? Io credo fermamente nella comunicazione, meno nell’azione. Sono sicuro che la verità abbia una forza ineludibile che alla fine emerge, nonostante tutto e tutti. Impari è  lo scontro con gli epigoni del male se li si affronta nel loro settore predestinato. Gli automi del pensiero asservito sono programmati per agire in contesti noti, brancolando nel buio in quelli a loro oscuri nei quali invece esiste una possibilità di comunicare ed osservare senza ‘rumori di fondo’.

 

Le mie sono solo riflessioni in libertà: non so davvero quale sia la via d’uscita per chi si adopera nella condivisione e per tutti noi, esseri umani consapevoli che hanno a cuore se stessi ed il loro ambiente umano e naturale in cui vorrebbero condurre vite serene all’insegna dei loro puri desideri. Sullo stesso contesto purtroppo insistono mostri senz’anima affamati come lupi in inverno ed indifferenti alle altrui pene come rettili. Al loro gelido ringhio è forse possibile contrapporre un nostro sereno e pieno sorriso? Purtroppo i tentativi di organizzare un dissenso compatto ed organizzato non sono andati molto lontano. Però si è trattato di esperimenti fecondi ed interessanti. Nel frattempo quindi, se qualcuno non ha un'idea migliore, ritengo sempre validi i consigli espressi  QUI. Buon lavoro a tutti, nessuno è escluso purtroppo da ciò che accade. 

 

Condividi post

Repost 0

Il Senso Sotteso della Storia

Pubblicato il da G B

.

zio tom & bafometto

.

Mentre conduciamo le nostre esistenze sotto la consueta cappa bio-chimica, alla luce trasfigurata dei rosei e pallidi tramonti a strisce, leggo l’interessante libro di Leo Lyon Zagami ed Enrica Perucchietti dal titolo ‘I Maestri Invisibili del Nuovo Ordine Mondiale’, edito da Terresommerse. Quest’opera è scorrevole e ben documentata e centra il segno: cerca di mettere in luce le connessioni tra potere, occultismo, evocazioni ed entità extradimensionali.

 

Che le connessioni esistano è fuori di dubbio. Dall’urbanistica alla toponomastica delle città, sino all’ultimo successo 'Pop', il nostro intorno è popolato da ‘mostri’, dediti alla magia, al simbolismo ed al controllo fisico e psicologico del genere umano. Lo spazio viene costellato dai desiderata tridimensionali dei manipolatori, che utilizzano geometrie sacre e palesi oggetti simbolici (come ad esempio l’esplicita piramide del Louvre voluta dal grande occultista Mitterand) mentre il tempo viene scandito dalla sequenza di eventi posticci (quasi sempre luttuosi, ma che importa?) che rivestono significati simbolici propiziatori oppure semplicemente espressivi.

 

I burattinai quindi ‘parlano’ un loro linguaggio, che si riferisce alle modalità espressive sumero/egizie, utilizzano una numerologia esoterica ma soprattutto utilizzano tutto ciò per esigenze di comunicazione con altre dimensioni, abitate da entità sovrumane che costantemente evocano ed invocano tramite rituali stregoneschi che ormai dilagano attraverso il surplus di potenza donato loro dalla loro serva per eccellenza: la tecnologia.

 

Nel contesto inquinatissimo nel quale ‘nuotiamo’ a vista, la scansione ritmata dei loro rituali egizio/sumero/stregoneschi risuona senza posa, in un mantra nauseabondo che tutto vuole permeare. Il vaso di Pandora è stato rotto da alcuni personaggi che nella seconda metà del diciannovesimo secolo, rileggevano scritture fortunosamente sepolte dalla grazie del tempo. Emergevano dalle sabbie del passato testi salomonici di evocazione di entità extradimensionali (la ‘ Goetia’) con tanto di nomi e sigilli, da utilizzare per chiedere consiglio, e demandare favori indicibili verso un abisso di depravazione composto da agognati e deleteri 'piaceri' materiali in un'atmosfera davvero desolante.

 

La bassissima seduzione, è uno dei motori vincenti di questo fetido scambio di favori, nella cui ottica, la ‘storia’ ci appare solo come un racconto estenuante del lato esteriore di questi affaccendamenti.

 

Dall’intrigo di Mosè e Yahweh per il controllo dei popoli nomadi pastorali, sino alle odierne collusioni tra sette, stregoni ed uomini di potere al servizio del ‘principe delle mosche’. Occorre aprire gli occhi e rileggere la nostra storia anche recentissima e chiedersi com’è mai che un Presidente del Consiglio scriva un  libro dal titolo allusivo della pratica frammassonica, mentre un noto leader dell’opposizione parli di ‘cerchi magici’ e si circondi di maghi e fattucchiere. Tutto ciò è possibile reperirlo nel testo citato in apertura, disponibile nelle librerie più fornite.

.

    Importante:

E' ormai purtroppo confermata la notizia del sequestro dei PC degli autori del sito Tanker Enemy. I perseguitati nella storia sono sempre stati coloro che diffondevano verità. Si legga al proposito anche QUI, QUI e QUI.

.

Condividi post

Repost 0

Notizie in Breve

Pubblicato il da G B

.

A questo  LINK, un interessante ed ironico cortometraggio di un esperto di video editing, in grado di spiegare le evidenti anomalie dei filmati girati quella fatidica mattina dell’undici di Settembre del 2001 a New York. Si tratta dei video ufficiali delle principali emittenti statunitensi (chiaramente asservite ai poteri occulti) e di due video ‘amatoriali’ che sono stati però acquisiti e rimaneggiati prima della loro messa in onda. Gli errori sono marchiani e confermano l’assoluta indifferenza nel voler produrre una simulazione della realtà credibile e priva di difetti. Questo atteggiamento ha un nome: sicumera. Evidentemente i registi di quell’evento, a forte impatto ipnotico verso le masse, erano (e lo sono tutt’ora) ben sicuri che nessuna giuria terrena aprirà mai un'inchiesta in merito.

 

Altre vistose anomalie sull’identità e sul numero effettivo dei deceduti all’interno delle torri, in questo interessantissimo  video che potrebbe essere esteso a tutti i cosiddetti eventi di cronaca degli ultimi anni, frutti evidenti di pianificazioni attente dal pesante vaolre simbolico, come nel caso della strage alla scuola Sandy Hook, oppure alle bombe della maratona di Boston, oppure ad eventi nostrani dal valore simbolico ed augurale. A proposito dell'incredibile governo italiota Letta/Bilderberg attualmente in carica, si legga l'interessante origine paterna della misteriosa Ministra Kyenge QUI, oppure QUI

 

 

Reiterare ovvietà, che gli eventi dell’undici di Settembre siano stati organizzati anni prima dai governi occulti, potrebbe apparire ormai inutile: hanno vinto loro e si sono impossessati con l’inganno, del luogo che avremmo dovuto difendere più di ogni altro, lo spazio del nostro immaginario, la nostra coscienza, i nostri pensieri. Questo luogo è sottoposto alle operazioni più imponenti di propaganda palese ed occulta.

 

Si veda in proposito l’interessante sito sul ‘ Reverse Speech’, ossia la pratica assai diffusa di emettere frasi significanti leggibili in successioni temporali inverse e con significati diversi. Evidentemente la percezione che abbiamo del linguaggio è cosa assai più complessa di come ci immaginiamo. Potrebbe trattarsi anche di un metodo comunicativo leggibile solo da alcuni, ma il sito citato suggerisce invece una interpretazione ecumenica, cioè di una modalità espressiva comprensibile, ancorché subliminalmente, da tutti. E’ il caso dell’oscuro  mantra di Obama (alias Barry Soetoro) ‘Yes We Can!’ che ascoltato al contrario si mostra come un evidente e perentorio ‘Thank You Satan!’, lasciato risuonare per mesi durante i suoi comizi preelettorali. Ovviamente, trattandosi di una promessa elettorale, neanche l’omaggio a Satana è servito per evitare il collasso del paese che impunemente dirige.

 

 

Al proposito, vorrei evidenziare che nel libro di David IckeCronache dalla Spirale del Tempo’, si accomunano le origini di tutte le religioni e dei credi ‘occulti’ e satanici ai credi basilari del periodo Sumero-Egizio. La triade Iside Osiride Horus, sarebbe quindi l’archetipo a cui tutte le religioni fanno riferimento, trasfigurandolo poi di volta in volta con appellativi differenti. Quando Giovanni Paolo II si recava a pregare le ‘vergini nere’, chi adorava in realtà? La vergine Maria oppure Semiramide/Iside/Ishtar/Cibele?

 

 

Sulle origini ‘divine’ dei potenti terreni, vorrei segnalare questa inchiesta, (del sito helpfreetheearth) che a mio parere contiene qualcosa di vero, sulla finta gravidanza reale inglese (di Kate Middletone) e sulla possibilità che il figliolo regale sia stato concepito in vitro. Questa eventualità getterebbe nuove luci sul misterioso suicidio dell’infermiera che accudiva la principessa, impiccatasi ufficialmente per una brutta figura fatta dopo un demenziale scherzo telefonico di alcuni giornalisti australiani, nonché sulle conoscenze sulla genetica e sulla clonazione umana in mano ai potenti.

.

Condividi post

Repost 0