Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog

Ovni e Sindone, una Riflessione

Pubblicato il da G B

.

Per una singolare coincidenza, scrivevo questa riflessione il giorno stesso in cui è stato pubblicato un esauriente post sulla Sindone nel sito scienzamarcia. Il mio post:   

 

Cos’hanno in comune il celebre sudario con il fenomeno degli OVNI? Una caratteristica: ambedue sono relegate nella sfera della credenza e della fede mentre al contempo sono oggetto di studio da parte della scienza. Ambedue le ‘testimonianze’ rappresentano elementi traballanti ed ambigui in bilico tra fede e mistero, con il loro carico di reliquie storiche ed un corollario impressionante di indagini scientifiche.  Discosofia possibile e Teosofia probabile accompagnano questi due aspetti epifanici e mirabolanti del nostro presente.

 

La scienza ufficiale accademica, lo sappiamo, è pilotata dal potere temporale e sarà quindi assai improbabile che si pronunci sulla veridicità in modo definitivo dell’una o dell’altra di queste realtà evanescenti. Ma religione e scienza un tempo erano forse la stessa cosa; astronomia ed astrologia coincidevano in un fare e speculare privo di quelle categorizzazioni posticce che ci hanno impedito di riconoscere la semplicità degli assunti e la linearità delle convinzioni. Il sapere è stato compartimentato e sigillato da abili mani che se ne sono impossessate.

 

In questo contesto, la Sindone di Torino si sposa con altri fenomeni ambivalenti come i cerchi nel grano (a mio parere opere realizzate con tecnologie militari evolute per finalità deleterie) sempre in bilico tra realtà e finzione, costrutto leonardesco o stupefacente reliquia che sia, inquieta lo sfarfallio delle informazioni che le ruotano intorno, esattamente come accade per il fenomeno UFO.

 

Intanto l’attenzione si localizza su aspetti che forse andrebbero riportati in un secondo piano e la discussione si incentra su elementi trascurabili mentre è forse l’esistenza stessa della discussione che andrebbe approfondita, sviscerandone convenienze e collocandone le motivazioni.

 

Gli antichi siti megalitici, gli oggetti ‘fuori posto’, le numerosissime epifanie celesti e terrestri … tutto ciò che ricade nel contenitore del ‘mistero’ contribuisce ad alimentare una specie di spirale ipnotica delle informazioni che rischia di impedirci di osservare le palesi distorsioni del reale. Sempre in bilico tra dati scientifici ed intuizioni ragionevoli non possiamo uscire dal labirinto dell’incertezza che tali manifestazioni dell’imponderabile ci prospettano e forse non per caso. Forse gli alieni sono solo  dentro la nostra mente, così come il dio che crediamo essersi incarnato. In tal caso allora staremmo facendo ricerca nella direzione sbagliata.

.

Condividi post

Repost 0

Licenza di Uccidere?

Pubblicato il da G B

.

pistorius freeskies

.

Oscar Pistorius è un personaggio mediatico, reso cioè celebre grazie ad un’accurata operazione di propaganda di massa. E’ divenuto l’araldo del transumanesimo con le sue protesi al carbonio che gli hanno consentito di raggiungere prestazioni addirittura migliori di quelle ottenibili con le gambe naturali. L’uomo è perfettibile, implementabile, migliorabile. Come? Attraverso la meditazione, lo studio e l’elevazione spirituale? No, attraverso il suo interfacciamento con protesi tecnologiche avanzate in grado di elevare il livello delle sue performance esclusivamente materiali.

 

Pistorius ha ucciso la sua bella compagna in un episodio oscuro in cui giurava di averle sparato attraverso la porta del bagno (!) perché la riteneva un ladro, penetrato nel loro appartamento. In realtà i vicini hanno riferito di frequenti liti violente tra i membri della coppia e quella sera forse si è trasceso un poco. Effetti indesiderati del transumanesimo? Amplificare le proprie possibilità senza possedere una solidissima struttura psicologica a monte è pericoloso. Affrontare i media e la notorietà senza una valida conformazione morale è pericoloso. Affidare la propria vita a burattinai senza etica è pericoloso. Singolare poi lo slogan di questa pubblicità che lo vede sfrecciare sulla pista affermando … ‘io sono il proiettile nella stanza’ … con l’esortazione finale: ‘dai, fallo!’! Che bizzarre coincidenze, non vi pare?

 

L'adesione al NOM ed al transumanesimo, probabile uso di steroidi ed altre porcherie, impunità, alterità, alienazione, follia. Sono queste le conseguenze dell’affiliazione al male?  

.

Condividi post

Repost 0

Noi, Robot

Pubblicato il da G B

.

collage transumano

.

E’ in corso ed a buon punto un massiccio processo di normalizzazione del pensiero e dei comportamenti. Chiunque sia in disaccordo con le decisioni prese dagli organi costituti verrà ritenuto folle e quindi segnalato agli assistenti sociali, come elemento squilibrato, oppure alle magistrature o alle polizie come elemento delinquente o potenzialmente tale. Negli Usa a seguito dell’orribile messa in scena della cosiddetta strage alla scuola Sandy Hook e delle altre squallide pantomime pseudo terroristiche, si è lasciato l’imprinting nella popolazione, grazie ai solerti kapò gracidanti del nuovo ordine mondiale, della necessità di privare la popolazione delle armi automatiche e di permettere alle autorità poliziesche di imprigionare civili a tempo indeterminato senza neppure la necessità di un capo di accusa, lasciando intendere che chiunque possa perdere il senno da un momento all'altro.

Obama ( Barry Soetoro), un pericoloso fantoccio di questo processo di cibernetizzazione, ha messo la sua gelida firma su ordini esecutivi inquietanti e decisamente incostituzionali e contrari ai più elementari diritti civili, come quello relativo alla possibile confisca di generi alimentari e dell’acqua piovana.

Il pensiero divergente deve essere deriso, individuato, annichilito. Internet purtroppo, oltre ad essere un valido strumento di diffusione del pensiero, è anche un ottimo sistema di individuazione del dissenso ed anche ottimo strumento per l’intimidazione poliziesca. Leggi e leggine ad hoc favoriscono i moderni inquisitori cibernetici, coadiuvati dai loro solerti infimi servi.

Il lavoro viene sostituito appena possibile dall’opera di un robot, anche quei lavori che un tempo si consideravano di alto valore intellettuale come l’insegnamento, che sarà presto sostituito da programmi informatici senzienti di cui le ‘lavagne elettroniche’ sono solo una loro pallidissima anticipazione. La subdola tecnologia cibernetica si insinua nelle vite di ognuno di noi apportando miseria e controllo al servizio della tirannia totale prossima ventura.  Nanomacchine vengono diffuse nell’aria in modo che il controllo avvenga con diffusione totalitaria. Gli impianti del tipo Echelon, attivi da decenni (mentre si grida falsamente agli artefatti recenti e pallidissimi 'scandali' di intercettazioni) sono in grado di monitorare ogni nostro sussurro, ogni bit inviato, ogni nota stonata al regime.

Il nuovo ordine globale è soprattutto esigenza di controllo del singolo individuo, immerso nella massa grigia degli abitanti, alla ricerca forse di chi avrebbe ancora qualcosa da riferire o fiato in corpo per protestare. La stragrande maggioranza degli umani è già stata condizionata ed asservita grazie ai prodigi della tecnologia: televisione, cinema, musica pop, sport di massa, lavoro, tassazione, eventi artefatti (politica ovviamente compresa).

Ciò che appare come notizia ‘storica’ o di cronaca in realtà è sceneggiatura mentre è anche vero l’inverso, ecco perché il controllo sui media di intrattenimento (forzoso) è così capillare ed attento.

Le maglie si stringono ed il dissidente ha le ore contate. Inebetiti del tutto o quasi, grazie ai veleni chimici neurodegenerativi che assumiamo,  possiamo ancora domandarci cosa desiderino in fondo da noi codesti burattinai. In che cosa vogliano trasformarci. L’interfaccia robotica e la sua fusione con l’essere umano sembra la soluzione migliore per assicurarsi energia, mano d’opera ma anche controllo esaustivo. Il chip sottopelle prossimo venturo a tutta l’umanità permetterà il raggiungimento di tale obiettivo si, ma a che scopo? A chi potrebbe giovare una umanità robotizzata? A chi un  oceano senza vita? A chi  un pianeta senza alberi? Domande che troveranno una risposta prossima, temo, in un pianeta devastato ed abitato da una massa umana totalmente assoggettata. Gli sguardi si spengono e le energie si affievoliscono verso questa fine entropica ed antropica dal sapore vagamente tragicomico.             

.

Condividi post

Repost 0

Nuove dagli States

Pubblicato il da G B

.

Il ghiaccio polare, considerato sia nella sua estensione che nel suo spessore, ha avuto un incremento nel 2013 rispetto all’anno precedente del 50%. Ciò è accaduto nonostante le farneticazione apocalittiche di Al Gore che nel 2007 aveva addirittura annunciato in una sua conferenza che il ghiaccio nord polare sarebbe scomparso entro cinque anni!

Il ‘Global Warming’ è l’ennesima colossale frode delle istituzioni verso la società civile con diverse motivazioni. Quella economica ha previsto l’adozione della miserrima ‘ carbon tax’ per impoverire ancor più gli stati emergenti, quella strategica ha permesso ai programmi di biogeoingegneria clandestina di possedere un alibi posticcio per ottenere finanziamenti e giustificare la sua clandestinità, dettata dalla presunta emergenza della situazione.

Un’altra considerazione che i metereologi dovrebbero porsi: dopo oltre vent’anni di irrorazioni biochimiche nell’atmosfera, a che punto siamo arrivati? Questa  tempesta di ghiaccio che si sta abbattendo sugli States (con punte di 50 gradi sottozero) che origini ha? Che origini hanno le ‘bolle africane’ di calore insopportabile che colpiscono il nostro paese d’estate? Sembrerebbe davvero che la biogeoingegneria clandestina serva soprattutto ad annichilire la società degli uomini, impedendole di condurre una vita spensierata, così come sta provvedendo a fare la crisi finanziaria artefatta che ci hanno gettato addosso le stesse entità che guidano lo stravolgimento in negativo del pianeta.   

Intanto si assiste ad una ripresa virulenta dell’influenza suina, l’ H1N1, che aveva destato tanto scompiglio pochi anni orsono. Quest’anno miete le consuete vittime senza destare scalpore, nell’indifferenza generale e nella certezza che esistono purtroppo mali ben peggiori dei quali occuparsi.

.

Condividi post

Repost 0