Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog

Piramidi nelle Steppe

Pubblicato il da Ghigo Battaglia

Non parliamo qui di nuove scoperte archeologiche ma torniamo sulla modernissima Piramide di Astana perché è il monumento moderno più “sfacciato” che ci sia. foster-partners-peace-pyramid-astana.jpgEsso infatti, oltre che essere costituito da un involucro piramidale, simbolo accettato di conoscenze misteriche ed esoteriche, indica grazie alla sua nitida distribuzione interna, la linea guida per la città futura e la società degli uomini che la abiteranno. Alla base della Piramide infatti (il progetto è dell’Architetto inglese Sir Norman Foster) è presente una sala per rappresentazioni teatrali e concerti. Il significato di questa sala è che alle masse popolari viene elargita una rappresentazione della realtà, uno scenario ricco di luoghi e simboli entro il quale poter vivere la propria vita spirituale e non, organizzato in tal modo che tutti gli aspetti della vita di una persona considerata “normale” possano essere rappresentati e quindi gestiti con particolare riferimento al mondo emozionale. Gestendo questa Architettura simbolicamente, e realmente come in questo caso, il potere assoluto si appropria della sfera intima dei suoi sottoposti che in cambio, ricevono un “luogo” in apparenza comodo ed esaustivo in cui pascere, vivere e morire. Il gioco del calcio nella società contemporanea ad esempio (e qui ci attireremo le antipatie di molti) è un valido strumento di dirottamento dell’animosità popolare dalle piazze e da motivazioni quantomeno accettabili (come forse avveniva negli anni settanta) a teatrini di violenza e fenomeni di machismo collettivo del tutto pilotati quanto sterili ed in più confinati in luoghi predisposti e controllati. Vediamo stati in fallimento che non rinunciano però alla costruzione di enormi stadi costosissimi pur di effettuare questo controllo diretto della popolazione. All’ingresso degli stadi, così come nei foyer dei teatri, un senso di estraneamento ed irrealtà ci assale, che sia questa la premessa per una buona programmazione mentale? piramide-sezione.jpgNel piramidone di Astana (parola dal facile anagramma! Non abbiamo trovato infatti nessuna spiegazione sulla formazione del nome “astana” e quindi la consideriamo di etimologia quanto meno incerta) al secondo livello c’è la sala delle religioni. Gli esponenti di tutte le religioni possono incontrarsi attorno ad un tavolone rotondo, proprio sopra i loro fedeli. Che cosa si devono comunicare le religioni diverse così tanto frequentemente? A che scopo è stato costruito questo spazio? A noi sembra del tutto inutile a meno che il suo scopo ultimo ed occulto non sia altro…e preferiamo lasciarlo alla fantasia dei lettori. All’ultimo entusiasmante (si fa per dire) livello c’è il tavolino degli eletti. Sotto il sole accecante di un enorme lucernaio (ogni religione vuole i suoi sacrifici!) i veri pa-droni del luogo si incontrano sotto i potenti raggi del loro dio sole e qui lo scopo dei loro incontri è più comprensibile: al di fuori di ogni protocollo, decidono le sorti di questo bel mondo artificiale. Il tutto è confezionato con abbondanza di simboli e aggeggi vari in cui predomina il cattivo gusto: l’impressione generale infatti che colpisce l’osservatore è quella di un insieme ridondante e seguace di una estetica tanto confusa e cristallizzata quanto poco piacevole e superata. Costruita nelle steppe euro-asiatiche dalle condizioni climatiche impossibili, (si va dai -40° ai +40°!) Astana è la concreta presenza nel mondo di una governance occulta che decide così di palesarsi…ma forse, era meglio se rimaneva nascosta! Abbiamo bisogno di queste rappresentazioni? Che cosa indicano in verità? Indicano che il mondo con cui interagiamo è un insieme di accadimenti pilotati dall’alto dei quali è inutile cercare di coglierne il significato perché così facendo potremmo fare il loro gioco. Cerchiamo di ignorare tanto nefasto scintillio ed occupiamoci del nostro mondo interiore, prima che invadano anche quello (se non è già accaduto...). Ai cittadini di Astana, va il nostro appoggio ma non cadiamo nell’errore di considerarci immuni da tale processo di piramidizzazione del mondo: ogni luogo vede la crescita di tali manufatti sia fisici che “legali” o programmatici. Nessuno si senta escluso così come nessuno si senta solo ma l’opera di estraneamento degli animi non durerà per chi è arrivato a comprenderla.

Condividi post

Repost 0

Domande senza Risposta (per ora)

Pubblicato il da Ghigo Battaglia

puglia-scie-copia-1.jpgDopo l’ammissione da parte della Presidenza della Repubblica dell’esistenza dell’operazione comunemente nota come “scie chimiche”, ci chiediamo tutti se le nostre autorità politiche e militari siano al corrente dei tempi e delle modalità con le quali questa operazione viene messa in atto. Le domande però più difficili da porre sono: “Le autorità sono al corrente della composizione del mix chimico che viene irrorato?” ed ancora: “Chi effettua i controlli sulle polveri adoperate per tali operazioni?”. Il messaggio della Presidenza della Repubblica infatti, demanda la gestione dell’operazione al Ministero della Difesa ma sappiamo, grazie agli attivisti in tutto il mondo, che l’operazione viene svolta anche oltre il confine geografico del sistema di difesa della Nato. Ed allora: “Chi gestisce realmente tali operazioni? Quale entità sopranazionale la coordina?” e soprattutto, la domanda delle cento pistole: “Con quali finalità?”. Temiamo che la risposta non ci verrà data mai facendoci così intuire il peso che ha la popolazione sulla gestione della cosa pubblica: nessuno. Da ciò evinciamo quindi come gli stati siano controllati da entità sopranazionali che impartiscono ordini, che la democrazia non sia altro che il teatrino dei piccoli (cioè noi) messo in opera per la gestione delle apparenze, campo nel quale le “Entità Sovranazionali” sono davvero esperte. Potrebbe essere accaduto che i nostri militari siano stati, per così dire, ingannati sui tempi e sulle finalità di questo progetto? Potrebbero le entità avergli mentito, nascondendo le reali intenzioni di tale operazione e la composizione delle polveri irrorate? La percezione che non si tratti di un esperimento è talmente ovvia, data la durata e l’ampiezza del fenomeno, che non è possibile considerarlo tale. Un esperimento infatti, per il suo corretto funzionamento, ha bisogno di tempi limitati di operazione e di un ambito territoriale ben definito. Mancando questi due presupposti, non è possibile infatti discernere accuratamente gli effetti di tali irrorazioni su di una porzione di territorio rispetto ad un’altra non irrorata. Noi crediamo però che la Presidenza della Repubblica, debba maggiori spiegazioni ai cittadini seriamente preoccupati dall’estensione nel tempo e nello spazio di questa operazione. Occorre dare lumi alla popolazione sulla composizione dell’aerosol e sulle sue finalità, specificando chi ed in che modo effettua le operazioni di controllo. La Presidenza della Repubblica, dovrebbe rassicurare i cittadini sul fatto che esiste un saldo controllo dello stato, su questa operazione, puntuale e capillare; dovrebbe poi diffondere la composizione chimica di quanto viene irrorato in modo che la popolazione possa mettere in atto sistemi di profilassi generale e depurazione personale. Chiediamo troppo da un paese cosiddetto democratico?

 

Per la comunicazione della Presidenza della Repubblica, vedi:

http://4.bp.blogspot.com/_7b97ra7sh6U/S9_pGbVdSrI/AAAAAAAAGvs/fXWvS-UHT1Y/s1600/QUIRINALE+SCIE+rubr+e+bord.jpg  

 

Per conoscere possibili finalità delle operazioni di aerosol clandestino, vedi:

http://www.exoticwarfare.com/the_chemtrail_connection.html  

http://www.undergroundnewscast.com/scientific-study-links-morgellons-disease-to-gm-crops-food-fibers-contain-plant-genes

Condividi post

Repost 0

Educazione, Individualità e Coraggio

Pubblicato il da Ghigo Battaglia

L’ideologia propria dei Globalisti del Nuovo Ordine Mondiale è un miscuglio del peggiore Comunismo e del Nazismo, tutti e due frutti sperimentali delle loro paranoie. Il Nazional-Socialismo infatti è stato, in un primo momento, lautamente appoggiato (oramai è un fatto assodato) dai circoli Globalisti Anglosassoni e Statunitensi. comunismo-nazismo.jpgQuesti due esperimenti sono serviti, oltre che per testare l’applicabilità di questi modelli sociali, per ottenere un sistema di controllo efficiente della popolazione e della situazione geopolitica prima, durante e dopo tali nefaste applicazioni di ingegneria sociale. Questi due sistemi dittatoriali infatti si assomigliano terribilmente. Entrambi avevano come obiettivo la gestione integrale della gioventù e la sostituzione dei genitori naturali con apparati creati ad hoc dallo stato per inculcare la “buona” educazione alla prole novella. Entrambi i regimi disponevano di una rete attiva di propaganda dentro e fuori i loro confini con l’intento di allargare la falsa contrapposizione di queste “diverse” visioni del mondo nei paesi non direttamente coinvolti da questi esperimenti. Le rivoluzioni moderne, da quella francese illuministica in poi, hanno spesso agito per decapitare (letteralmente!) le elite governanti ponendo fine così a linee di sangue ritenute evidentemente di ostacolo per il presente e per il futuro. Un discorso simile, potrebbe essere sicuramente intrapreso a riguardo della eliminazione di molti membri della casata Kennedy negli USA. Anche per l’Olocausto degli Ebrei, oltre che di zingari ed altre minoranze, possiamo ipotizzare un fine similare? febbre-suina.jpgUna longa manus gestisce quindi la storia recente provando sempre ad imporre un sistema di controllo e gestione della popolazione con l’intento di selezionare il genere umano ed assoggettarlo ad una struttura piramidale ben organizzata, divisa in caste e governata per finalità non solo oscure ma anche non conoscibili da parte della popolazione. Al vertice, una cupola di eletti ed illuminati, detentori del grande segreto. Oggi la tendenza delle elite globaliste è cambiata solo in apparenza: le imposizioni non si fanno infatti solo attraverso l’uso della forza bruta ma  anche in modo assai più subdolo, riuscendo spesso a convincere gli sfruttati della bontà e necessità di queste novità legislative ed organizzative. Quello che abbiamo visto a seguito della presunta diffusione di un virus della cosiddetta influenza suina, potrebbe essere un’avvisaglia di ciò che potrebbe ripetersi presto a seguito di altri, forse differenti come cause, cataclismi. Il potere passerebbe quindi in mano a gruppi di persone non elette che, a causa dell’emergenza, gestirebbero tutti gli aspetti della vita sociale e verrebbe coinvolto l’esercito per controllare punti di raccolta e di trattamento forzato della popolazione. Forse l’influenza suina non è stata così potente come si aspettavano, forse l’umanità, in un sussulto di speranza ed intelligenza, è riuscita a smontare questa minaccia artificiale o forse ha prevalso il semplice istinto (assieme a qualche buon medico) che ci ha suggerito di non prendere i vaccini dalla composizione sconosciuta. gandhi.jpgLa sensazione recente è quella che una selezione dell’umanità sia in atto, non in base a qualità come la forza o come il merito ma in base a qualità umane molto meno convincenti dal punto di vista morale ed estetico: la furbizia, l’arroganza, la posizione sociale (quest’ultima spesso frutto delle due “virtù” appena citate). Le vaccinazioni avrebbero colpito i più deboli ed impauriti, la crisi economica colpirà i più sprovveduti. Per questi motivi è necessario non cedere alla paura ed aprire il proprio cuore agli altri: la generosità, il coraggio e l’altruismo sono le chiavi per scardinare l’idea che i globalisti hanno quando pensano all’umanità futura: una massa di individui disorientati, spietati, malati, avidi ed ignoranti. Dimostriamo loro che l’umanità, per fortuna, è anche altro, ed è di questo altro che loro hanno una paura terribile: li devasta l’idea che l’uomo possa sacrificarsi per i suoi simili con il sorriso sulle labbra. Approfittiamo quindi della loro brutale ed indifferente violenza per crescere spiritualmente e diventare uomini nuovi, aperti, generosi, coraggiosi.

Condividi post

Repost 0

Quer Pasticciaccio Brutto de ... The Flu Case!

Pubblicato il da Ghigo Battaglia

Jane Burgermeister, la coraggiosa giornalista austriaca che ha denunciato la Baxter per bioterrorismo  non partecipa più al blog The Flu Case. La denuncia è scattata nel momento in cui la giornalista ha scoperto che il materiale per vaccinazioni preparato dalla Baxter contro l’influenza cosiddetta suina era contaminato da 3 ceppi virali vivi tra cui quello pericolosissimo dell’influenza aviaria. Se i vaccini fossero stati preparati con tale miscuglio letale ed iniettati a milioni di persone, si sarebbe potuta verificare una combinazione di un supervirus con caratteristiche di alta contagiosità ed alta pericolosità. Non conosciamo in dettaglio le motivazioni di tale abbandono di un sito tanto seguito e considerato anche se pare siano sorti dei seri conflitti di gestione in merito alla parte economica legata al sito stesso. Alcuni strani articoli (molto estremistici) sono comunque apparsi nel periodo di transizione in cui non era ancora chiaro chi fosse "alla guida" del sito. La Burgermeister proseguirà la sua attività in altri blog. La decisione quindi di continuare a pubblicare i suoi illuminanti articoli in blog personali deve far riconsiderare ai lettori l’attendibilità del sito TheFluCase. Togliamo quindi quest’ultimo link dai nostri link importanti e continuiamo a seguire la sua attività negli altri blog con il massimo dell’attenzione. http://birdflu666.wordpress.com/ 

Condividi post

Repost 0