Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog

Il Sermone degli Ultimi Giorni d'America

Pubblicato il da Ghigo Battaglia

 

 

Questo video è interessante perché preconizza il collasso finale degli Stati Uniti d’America e la loro sostituzione con qualcos’altro. Che si parli di NAU (La North American Union tra Canada, USA e Messico) od altra entità statale, la sensazione è che si sia vicini ad un cambiamento epocale di origine artificiale o che comunque si voglia diffondere negli animi tale percezione. Non è un caso se il sermone è previsto per l'11 Settembre, a dieci anni di distanza dall'auto-attentato alle torri gemelle. (1) L’autore del video di cui si parla è l’influente pastore della chiesa battista di Dallas, non nuovo nelle previsioni di eventi significativi. Vorrei ricordare anche i brani del rapper massone Jay-Z che descrive un imminente crack finanziario, l’abbandono del paese da parte dei Rockfeller e la dissoluzione degli ordinamenti civili in un caos violento tipo guerriglia urbana. Le notizie diffuse negli ambiti religiosi e dello spettacolo hanno una presa assai profonda sulle menti perché assorbite in uno stato poco critico e generalmente rilassato. Per questo sono particolarmente interessanti e degne di nota. Buona (si fa per dire) visione.

 

  

Condividi post

Repost 0

Rap No Ogm

Pubblicato il da Ghigo Battaglia

Condividi post

Repost 0

Il Non-Evento dell'11 Settembre

Pubblicato il da Ghigo Battaglia

 

L’11 Settembre del 2001 accadde un fatto peculiare sul quale si discute animatamente sino ad oggi. Questo evento è stato così ben gestito dal punto di vista di un’operazione psicologica collettiva da risultare un ‘topos’ dell’informazione e del pensiero condiviso. Molto meno accurata è stata invece la sua esecuzione materiale che ha svelato facilmente omissioni, retroscena e responsabilità che dovevano rimanere invece occulte. Tante furono le sviste che si è anche sospettato l'esistenza di una volontà specifica nel far intravedere la realtà posta dietro la lacera rappresentazione a posteriori dei fatti accaduti. Mi si permetta di ricordare in estrema sintesi alcuni eventi posti al limite del ridicolo accaduti quel giorno nella sola New York: si sono letteralmente polverizzati tre moderni grattacieli (WTC1, WTC2 e WTC7) a seguito di un loro crollo verticale (collasso delle strutture) causato, secondo la versione ufficiale dei fatti, dallo schianto (e dal conseguente incendio) di due aerei di linea…(quando si dice due piccioni con una fava)…questo fatto di per se apparve immediatamente incredibile ai pochi che se ne resero conto.

 

 

Le conferme giunsero poco dopo: fu trovata termite militare (nano termite) nelle macerie dei grattacieli, proprio quell’esplosivo utilizzato per le demolizioni controllate nel campo dell’edilizia civile, nella sua variante militare assai più efficace. L’impatto degli aerei non ha provocato nessuna lesione sostanziale agli edifici (men che meno al WTC7, neppure sfiorato dai velivoli) ed il fuoco sviluppatosi si è rivelato a temperatura troppo bassa per poter inficiare la tenuta delle solidissime strutture portanti in acciaio. Questi fatti sono ampiamente e professionalmente dimostrati dagli studi dettagliati esposti nel sito:

http://www.ae911truth.org/

Inoltre: i primi testimoni intervistati dalle televisioni accorse sul posto sono tutti collegati alle emittenti stesse per dipendenza diretta o familiare; le immagini trasmesse dalle dirette appaiono stranamente confuse, nebbiose e virate verso il blu (in un bel giorno sereno) e chiaramente manipolate dalla computer grafica in modo per altro grossolano; alcuni ragazzi israeliani sono stati arrestati mentre esultavano di fronte alla vista del tragico evento e non hanno mai convinto le loro spiegazioni di tale gesto e quelle sulla vera ragione della loro permanenza a New York quel giorno.

Mi fermo qui perché la realtà dei fatti affiora prepotentemente non appena si ha il tempo e la pulizia morale per affrontare tali accadimenti. Sono centinaia le cose che non tornano e tutte le persone in buona fede e mente sana sanno benissimo cosa sia realmente accaduto quel giorno. Noi aggiungiamo solo lo spunto per riflettere che la gestione intelligente degli accadimenti non riguarda solo quel giorno ma la storia dell’umanità e ciò forse da sempre. La versione della realtà raccontataci dai rapporti ufficiali o dai media, tutti e nessuno escluso sotto stretto controllo delle autorità, è palesemente molto lontano da essa. I media non riportano sistematicamente (se non per screditarle) informazioni riguardanti alcuni temi considerati indesiderati. Il web invece è ancora parzialmente uno spazio libero utilizzabile però solo a chi ha tempo da spenderci e acume sufficiente per distinguere il vero dalla poltiglia del falso. Allora la giornata della memoria che già ci viene sbandierata innanzi in tutto il suo squallore potrà essere l’occasione per domandarci com’è mai che le tantissime persone che sanno la verità non fanno nulla o quasi per informare il prossimo e modificare quindi la propria condotta di vita ed i propri valori? L’evento dell’11 Settembre 2001 è stato allora forse un non-evento? Abbiamo avuto solo l’ennesima conferma di chi ed in che modo governa il pianeta? Alla luce dei fatti trascorsi dopo tale data penso proprio che sia così ed i pallidi e brutti sgherri messi a blandissima protezione del ‘segreto di pulcinella’ sono li a darne ulteriore quanto inutile nonché disgustosa conferma. Alla luce di tutto ciò, l'immagine seguente rivela tutta la sua desolante congruità.

 

large bush obama

         

Condividi post

Repost 0

Cambi Climatici e Salute Mentale

Pubblicato il da Ghigo Battaglia

Inondazioni, tempeste e cambi climatici non sono solo un fenomeno con ripercussioni fisiche come affermato dall’Istituto di Salute Mentale e del Cervello di Sydney ma, se collegate con i cambi climatici a lungo termine, possono inficiare la salute mentale degli abitanti. ‘Recenti esperienze mostrano che i fenomeni climatici estremi pongono a rischio la salute pubblica inclusa la sfera del benessere mentale, con conseguenze assai rilevanti per la società in generale’. Gli scienziati hanno dimostrato che un singolo evento climatico estremo è collegabile ad un cambiamento sistematico nel tempo che risulterebbe essere così un magnificatore dell’impatto generale sulla persona umana. (…) Nei paesi più poveri, la capacità di assorbire questi shock è minore e le conseguenze sulla salute mentale sono molto più gravi. (…) ‘Gli impatti dei cambi climatici sul morale comune e la salute mentale (depressione, stress post traumatico, crollo dell’autostima) sono assai rilevanti.’ Come scrive Tony McMichael professore dell’Università Nazionale Australiana in un suo studio. Le statistiche parlano di abusi di sostanze alcoliche, violenze, suicidi e rotture familiari dopo eventi ambientali estremi soprattutto in zone rurali o semi rurali. ‘Esistono prove che il tasso di suicidi è molto più alto quando il livello delle precipitazioni è al di sotto dei 300 millimetri annui.’ I bambini in particolare sono molto più vulnerabili per l’ansia pre traumatica e lo shock post traumatico.

 

Condividi post

Repost 0