Visite Capitali: Guai in Vista?

Pubblicato il da G B

.

A distanza di pochi giorni sono giunti a Roma  Barry Soetoro (alias Barack Obama) e la regina d’Inghilterra Elisabetta II. Le visite hanno avuto connotati simili: rapide, private, concise. A parte il dispiegamento di poliziotti a protezione di Barry Soetoro, la visita di Elisabeth è stata una specie di raid dismesso. Poche ore per incontrare un altro regnante nella sua reggia, Giorgio Napolitano, di cui addirittura si vocifera sulla sua diretta discendenza regale (vedi il link), e l’altro regnante terreno dell’altra reggia al di là del fiume, Bergoglio, il vescovo di Roma.

Strette di mano ‘esoteriche’, rigorosamente: pollice sulle nocche della mano ... regalie, colloqui segretati e via … guai in vista per noi mortali? Due visite così vicine e così rapide vogliono alludere ad eventi mirabolanti prossimi venturi che necessitano l’appoggio di un coro unanime di regnanti? Staremo a vedere, non il tristo corteo però (accompagnato dal tono suadente e compiaciuto dei commentatori della RAI), gli eventi.

.

Commenta il post

Zret 04/05/2014 23:39


Nimium ne crede colori, ci insegna Virgilio. 


Un saluto a tutti. 

paolo 04/05/2014 19:49


Ho riguardato il video dell'incontro fra Bergoglio e Obama. In effetti l'espressione del papa trasuda un senso di paura, una situazione di sgomento interiore appena dissimulato. Nessuno pretende
di difendere chicchessia ma ignoriamo quanto si sono detti e non sappiamo se Bergoglio ormai non possa più ritirarsi dalle ferali decisioni prese ( dal papa nero? dalla cerchia dei dodici
superiori che presiedono alla Compagnia di Gesù?). 


Ovviamente abbiamo osservato uno cui la coscienza rimorde mentre Obama s'è dimostrato al contrario disinvolto, spavaldo, sorridente, quasi 'solare'. Si vede che per lui il crimine è diventato uno
stile di vita e l'insensibilità la fa ormai da padrona. Tuttavia la coscienza puoi intorpidirla fino a ridurla al lumicino ma non riuscirai mai ad anestetizzarla del tutto. Prima o poi il male
commesso ti rimbalzerà addosso e le Erinni si scaglieranno senza alcuna compassione nei confronti di te colpevole.


D'altronde Bergoglio non rappresenta una eccezione nei confronti di altri suoi predecessori quanto alla presunta - almeno per ora - pianificazione di eventi criminosi pre-bellici. Prendiamo ad
es. Pio XII - il tanto strombazzato 'Pastor Angelicus' della profezia malachita -. E' risaputo da alcune decadi oramai che la morte del suo predecessore Pio XI non fu accidentale. Pio XI stava
per pubblicare una enciclica che avrebbe sancito il disimpegno dei cattolici europei dalla collaborazione con la Germania nazista. Ma uno o due giorni prima che l'enciclica venisse pubblicata Pio
XI morì improvvisamente. Si pensò subito ad un omicidio perpetrato dal medico pontificio Dr. Petacci con l'ovvio assenso del Segretario di Stato Pacelli e la 'benedizione' di Mussolini. 


Il crimine e l'omicidio sono dunque di casa in Vaticano. Non mi stupirei dunque che la storia si ripetesse ora e con conseguenze ben più drammatiche della volta precedente.

Ghigo Battaglia 04/05/2014 21:03



Oddio, i tempi che corrono non lasciano possibilità di situarsi in una zona grigia: o si condanna il male oppure lo si sposa. Non credo quindi che nessuno sia
costretto in un ruolo suo malgrado. Forse era Ratzinger quello buono che non se la sentiva di procedere oltre? Forse si. La montatura dei suoi precedenti pedofili non ha avuto seguito, no? Era
solo una scusa per farlo dimettere? Tutto sommato è ancora vivo! 



Zret 04/05/2014 16:20


Abbiamo assistito alla giostra di teste coronate, di teste di legno e di teste.. di altro tipo alla corte di papa Bergoglio. Non si può dimenticare lo sguardo del pontefice al cospetto di Barack
Obama - Barry Soetoro. Era l’espressione di chi ha appena compiuto un passo fatale, un patto con il Diavolo e sa che ormai è perduto per sempre. Quello sguardo, che esprimeva ansia, ma
soprattutto disperazione, deve essere letto, tenendo conto del ruolo della Chiesa romana.


 Che cosa si sono detti i due? Chi è più potente? Il papa, pur sempre un gesuita che deve obbedire al Generale superiore della Compagnia, ha convinto Obama-Soetoro a scatenare l'inferno, ma
poi se ne è pentito? O Francesco ha accettato di seguire il malvagio, nefasto, satanico, mostruoso, ipocrita, pazzo, criminale, empio ospite sulla via che porterà il pianeta ad un conflitto
sanguinario? Ma la coscienza lo rimorde?


 


In entrambi i casi, quello sguardo inquieto e sgomento, è forse il fatto più importante di questi ultimi anni. Prepariamoci al peggio.


 Forse siamo noi ad avere un pregiudizio nei confronti della Chiesa cattolica e, a differenza di Calvino che a proposito dei “Promessi sposi”, distingueva tra una “chiesa buona” ed una
“chiesa cattiva”, siamo troppo disincantati per illuderci che il Vaticano sia un’istituzione, nonostante molte pecche, nel complesso, positiva.  


 


Qualcuno ritiene che l’attuale vescovo di Roma sia un’eccezione all’interno di una gerarchia corrotta, l’uomo che sta tentando di adoperarsi per il bene dell’umanità, grazie al suo carisma.


Riflettiamo: egli è pur sempre un Gesuita ed i Gesuiti sono maestri nella simulazione e nella dissimulazione. Capiamo che è difficile immaginare intenti malefici dietro quei modi improntati a
bonomia ed a cordiale semplicità, ma le apparenze ingannano, anzi incantano.


Riflettiamo: tutti quei papaveri si recano in pellegrinaggio dal pontefice. Chi è più influente? L’anfitrione o l’ospite? La stessa regina Elisabetta II appartiene al Sovrano ordine militare di
Malta: non è particolare di poco conto. Sia il vicepresidente di U.S.A.tana sia il segretario di stato sono cattolici.


Bergoglio potrebbe essere l’asso che il Governo mondiale giocherà, qualora le altre carte, pur forti, non dovessero garantire il successo nella partita. Ormai molti sanno o, per lo meno, hanno
fiutato che il Movimento 5 stelle, Thrive, Zeitgeist movement, Ucadia, la Federazione galattica etc. sono specchietti per le allodole. Ecco allora che si gettano nella braccia, anzi nelle grinfie
di Roma. Scaltri, mefistofelici globalizzatori che hanno predisposto la trappola per quelli più svegli!


Ragioniamo: papa Francesco non può non sapere che sia Obama sia Elisabetta II sono dei satanassi: e come li accoglie? Con sorrisi di circostanza, con calorose strette di mano, con doni, invece di
ammonirli aspramente, di dissuaderli dal continuare nella loro politica scellerata e guerrafondaia.


 Papa Francesco sa, ma non ha il coraggio di agire? Se è così, è un ignavo ed un pusillanime, come tale, degno di infinito disprezzo.


Ragioni di Realpolitik lo inducono a tacere ed a lasciare che i suoi servitori gettino benzina sul fuoco? Se è così, è un ipocrita e, come tale, degno di infinito disprezzo.


 “Il cuore umano – scrive Manzoni – è un gran guazzabuglio”. Quindi è sempre possibile che, se, come crediamo, pur essendo Bergoglio un esponente delle diaboliche élites, possa pentirsi dei
suoi errori e convertirsi alla causa dei giusti. Tuttavia non gli resta e non ci resta molto tempo: la Storia non aspetta i codardi.  


 


 

Ghigo Battaglia 04/05/2014 21:00



Forse il Bergoglio possiede un'anima? Forse si ed allora manifesta la sua inadeguatezza a sostenere l'orrore. Molto attento il tuo sguardo alla fisognomica papale ma
io ricordo pure la celebre foto di B. nella metro di Buenos Aires con la mano nascosta...che sguardo tagliente! Io ad esempio non avrei mai accettato di divenire successore di Pietro sulle
spalle del suo successore designato. Ricordiamoci che abbiamo due papi! Che anomalia...ed un presidente con due mandati! Altra anomalia non da poco.  



paolo 04/04/2014 22:15


E' chiaro che chi va a rendere omaggio ad una personalità che rimane al suo posto, è quegli il sottoposto. Situazione attuale molto pesante che ci fa intendere che ci troviamo sull'orlo di un
abisso dai contorni estremamente incerti. Se questo rimane lo scotto che dobbiamo pagare per ritrovare, forse, noi stessi ovvero la nostra identità più profonda, lo accettiamo di buon grado. Ma
perdere nella temperie in arrivo tutto quanto ci piace e ci infonde ragione di vita, questo non può non dispiacerci. Ti dirò, Wlady, forse non bisogna rinunciare a vedere negli eventi un qualche
filo provvidenziale. E' pur vero che si combattono per tramite nostro fazioni aliene fra loro in conflitto, ma non bisogna nemmeno incorrere nell'errore di ritenere - come fa Corvo nel suo
peraltro bel libro 'Apocalisse aliena'- che il conflitto debba rimanere solamente psichico. Le Scritture delle varie Tradizioni non dicono che la fine del ciclo consisterà esclusivamnete in una
lotta di tipo psichico ma che si tratterà piuttosto di una battaglia dai connotati spirituali. Nonostante il drammatico crollo fino all'inversione ctonia propria al Cattolicesimo attuale, è
lecito aspettarsi una dimensione spirituale e quindi catartica nonchè anagogica della crisi attuale. Non si tratta solo di fede - parola che non amo per nulla e che non tiro mai in ballo - ma di
qualcosa di più che si desume dall'evidenza. 

Ghigo Battaglia 04/05/2014 07:23



Lo speriamo davvero Paolo. Non so cosa stia accadendo nelle sfere dell'intangibile, osservo però stupito cosa accade quaggiù. Nel mio prossimo post, le mie
impressioni. 



wlady 04/04/2014 19:19


Ciao Ghigo, ciao Paolo, ciao Zret,


siamo tutti in sintonia, sì qualcosa di grosso bolle in pentola, l'utimatum di Putin con il progetto  “PROJECT DOUBLE EAGLE ” fa intendere lo smarrimento delle tre forze mondiali, UE, USA, VATI.


 


Da Babilonia a Roma fino alla nuova babili London city, nulla è cambiato ci sono in gioco forze avverse l'una contro
l'altra, alieni contro altri alieni...



Ghigo Battaglia 04/05/2014 07:30



Ti seguiamo sempre con grandissima attenzione Wlady ... ed un pò di angoscia. E' proprio intorno all'oro che si consumerà un conflitto prossimo. A proposito, dov'è
finito tutto l'oro del pianeta? E quello italiano? Quello vaticano? Quello statunitense? Epperò sono convinto che chi rimodella il pianeta lo faccia dietro le quinte, adoperandosi per creare
conflitti posticci.



Zret 04/04/2014 19:12


Ghigo, questo potrebbe significare che Francesco, di là dai modi improntati a bonomia e ad umiltà, potrebbe essere un emissario del Demonio? Temo di avere la risposta. 


Ciao

Ghigo Battaglia 04/05/2014 07:13



Le dimostrazioni di pauperismo dell'attuale 'costruttore di ponti' mi danno la nausea! Pagate le tasse e donate un decimo della vostra ricchezza ai poveri
perdiana! Stiamo parlando dei vertici della doppiezza e delle capacità seduttive. Sedurre è l'attuale imperativo del potere. Tra la seduzione in bianco e quella in nero di Lady Gaga, quasi quasi
preferisco la seconda... 



Zret 04/04/2014 15:54


Che ruolo adempie papa Francesco in questa tragica e sinistra giostra di teste coronate e di teste di legno? Da buon Gesuita, non potrebbe essere colui che detta l'agenda? 


Saluto gli amici Paolo e Wlady. 


Ciao 

Ghigo Battaglia 04/04/2014 18:50



Applicando le logiche marziali delle piramidi (capovolte): chi si sposta per l'incontro è il sottoposto e non il capo (che rimane in sede) per cui si dovrebbe
desumere che se un papa va dalla regina è lui il sottoposto, viceversa...  



paolo 04/04/2014 09:19


Mi permetto di riportare qui quanto ho scritto sul mio profilo FB:


 


Che ci sarà venuta a fare Elisabetta
II a Roma a distanza di soli pochi giorni da Barry Soetoro, in arte Obama? Viene spontaneo il chiederselo anche per il fatto che le giustificazioni ufficiali, come al solito, sono assolutamente
prive di significato. Accompagnata, come sempre dall'oscurissimo e satanico consorte, Elisabetta è andata a incontrare il par suo Napolitano - '
o figlio du Rre', come viene da sempre chiamato il Presidente della Repubblica italiota in quel di Napoli -. Un uomo che si comporta ormai da qualche anno come un vero e proprio monarca assoluto
ovvero alla stessa maniera con cui agivano i regnanti prima dell'invenzione delle monarchie costituzionali.
E come a dire: infischiandosene perfettamente dei risultati delle urne e scegliendo a sua discrezione la marionetta di turno che guiderà per un certo periodo il Paese.
Credo che si possa guardare a Napolitano come ad una specie di vendetta finale della mefitica Casa Savoia la quale, cacciata per la porta, è rientrata trionfalmente e 'with vengeance' dalla
finestra. Da come il nostro si agisce si evince pure il fatto che esso si trova ad un livello alquanto elevato nella gerarchia - invertita - degli Illuminati. Dunque una pedina importante, una
pedina che gioca abilmente le sue carte e che considera la gente comune come un gregge di idioti da guidare e da plasmare alla stessa stregua dei monarchi d'altri tempi e dei più grandi
capitalisti attuali.
Brevemente, è dato presumere che qualcosa di grosso bolla in pentola e che si intenda dare un colpo ovvero imprimere una svolta decisiva al processo che culminerà nell'instaurazione del N uovo
Ordine Mondiale. Gli incontri romani si sono svolti poca distanza dalla prima delle quattro 'Blood Moons' che caratterizzeranno il cielo astrologico del 2014 e 2015. Un argomento, quest'ultimo,
del più grande interesse e del quale in Italia nessuno parla. L'ipotesi che per prima salta alla mente è quella di un 'false flag' imminente di proporzioni colossali - e di cui si parla ormai da
subito dopo i fatti dell'11 settembre 2001 - e che doverebbe consistere nel fare esplodere in contemporanea molte 'dirty bombs' contenenti materiale radioattivo in svariate città americane ed
europee  e come conseguenza la morte di centinaia di migliaia se non di alcuni milioni di persone.

Ghigo Battaglia 04/04/2014 12:31



Le visite sono state irrituali, troppo rapide, soprattutto quella della regina. In effetti sono i 'capi di stato' a prendere le decisioni in caso di conflitti
internazionali...speriamo bene! Incredibile come si riproducano le visite regali dell'antica mesopotamia...nulla è cambiato. 



wlady 04/03/2014 20:01


Ciao Ghigo,

hai letto il mio pensiero, proprio oggi quello che hai pubblicato, mi è passato per la mente.

Credo proprio che di regnanti si parli o almeno di persone che possono prendere decisioni come ipotetiche guerre; Obama è venuto a prendere posizione per le sue basi sparse sul "nostro"
territorio, ha parlato con il regnante dello stato dentro il nostro, così ha fatto l'albionese, stessa ricetta, con gli stessi personaggi.

Il presidente del consiglio non ha questa prerogativa di decidere per cose di importanza mondiale, solo i capi di stato hanno questo potere, ecco perché nonostante sia andato oltreoceano, Francia
e Inghilterra dal suo omonimo, non ha potuto prendere decisioni, nonostante l'essere proni ai colonizzatori e, non son servite le sue filippiche.

Penso che qualcosa di molto grosso bolle nella pentola, quando le élite più importanti del mondo si muovono tutte all'unisono; la portaerei Italia è troppo importante per i loro nefandi progetti
occulti.

Ciao