Sulla Circoncisione Rituale

Pubblicato il da Ghigo Battaglia

 

Sulla circoncisione rituale ebraica, M. Biglino fa notare come sia stato il frutto di un’astuta richiesta da parte dell’alieno Yahweh che aveva così la possibilità di riconoscere con facilità gli appartenenti al popolo eletto tra gli altri; tra l'altro, questa inconsueta richiesta doveva essere esaudita nel giorno in cui le sostanze antiemorragiche sono più presenti nel sangue (l'ottavo giorno). Sembra che la circoncisione non abbia avuto reali motivazioni igieniche, come si credeva un tempo, ed è considerata oggi come una intrusione pesante nell’integrità psicofisica di un uomo. Il trauma psichico che ne può derivare è infatti consistente e duraturo (vedi il secondo link ed i commenti) non meno del trauma fisico. La sessualità dei circoncisi infatti è differente dai non circoncisi perché la superficie rimossa è essenziale per cogliere alcune stimolazioni sessuali e per la corretta lubrificazione del pene. La circoncisione venne introdotta in ambito cristiano vittoriano nei primi anni dell’800 per impedire quella che veniva erroneamente considerata un'infermità mentale: la masturbazione. L’integrità del pene era associata infatti maldestramente all’attitudine all’autoerotismo. Un lungo capitolo si aprirebbe a questo punto sulle sorprendenti interferenze delle religioni sulla vita sessuale degli uomini nel corso della storia sia dal punto di vista materiale che comportamentale ed etico. 

 

Sulla circoncisione quindi si tratterebbe, secondo queste fonti, solo di una forma primordiale di controllo permanente della sessualità e della psiche degli esseri umani che non avrebbe nessuna motivazione sanitaria (a parte per i casi esposti nell'ultimo link in fondo) ed anzi avrebbe decise controindicazioni che tenderebbero a sconsigliarne la pratica, che porta con se comunque un'origine oscura. Attenzione comunque: il parere del medico curante è indispensabile per questioni attinenti la salute comprese quelle trattate in questo post.

 

Vedi i siti:

http://savethemales.ca/

http://www.circumcision.org/response.htm

http://www.circoncisione.net/circoncisione/articoli/comitato-bioetica.asp

-

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

Zret 07/06/2012 11:34


La spiegazione di Freud mi pare lambiccata e retaggio di una mentalità tardo-ottocentesca,  intessuta di pruderie, maschilismo e velleità trasgressive. Invece l'ipotesi
riportata da Kerner, ripresa da Biglino et al. mi sembra più plausibile. Qualcuno potrebbe eccepire, negando che le ibridazioni genetiche possano essere fenomeno tanto pristino, ma gli "dei"
presumibilmente agiscono da tempo immemorabile...


 


Ciao

Ghigo Battaglia 07/15/2012 08:50



Ciao e grazie Zret



paolo 07/04/2012 22:14


Insomma anche la circoncisione rituale rimane un mistero. Mi pare di ricordare che Freud, dal punto di vista della psicanalisi da lui inventata, ritenesse la circoncisione come un surrogato della
castrazione. In base a questa teoria il circoncisore vorrebbe castrare il figlio che rappresenterebbe una minaccia futura circa la spartizione delle donne dell'harem, ma si ferma un
attimo prima accontentandosi di portar via un pò di prepuzio al rivale in erba. 


Non ho idea di che valore abbia simile teoria che credo si debba piuttosto considerare come una semplice fantasticheria tardo-puritana partorita dal cervello di Freud.
Insomma di teorie che vorrebbero spiegare la circoncisione ce ne sono diverse in giro, ma quale di esse è poi degna di fede? 

Ghigo Battaglia 07/05/2012 13:07



Una riflessione di un uomo che da piccolo avrà sicuramente subito tale trattamento. Il mio post voleva proprio fungere da stimolo pe una riflessione condivisa, ciao
e grazie per l'interessante contributo



Zret 07/04/2012 19:14


Professor Steve Jones in his book "Y Descent Of Men" has revealed a remarkable fact about the prepuce (foreskin): "The prepuce has the useful property of almost infinite expansion, once removed.
It can as a result be used to repair damage to its owner caused by burns or by inborn deformity. What is more, a baby’s foreskin; placed in a nutrient solution grows to make a sheet of tissue,
which, because it comes from a child whose immune system is not yet mature, is accepted by people in need of a skin transplant. Two types of cell, one from below the skin and the other on the surface, are used. Each is seeded onto a preparation of cow tendon, or onto a synthetic polymer.
Soon they proliferate and, after a couple of weeks, the artificial skin is ready for use. There is almost no limit to how large the expanse can grow and the potential of a single prepuce is
measured out in the size of football fields."1 Thus circumcision may well have provided the aliens with a bumper harvest for the bio-engineering of their hybrids with humanity. Perhaps the
practise of circumcision in tribes or communities around the world is a pointer to their some time interception by alien beings.

Ghigo Battaglia 07/05/2012 13:09



Si, avevo pensato anche a simili utilizzi data l'origine del comandamento. Interessantissimo contributo, grazie Zret ... un utilizzo simile potrebbe averlo il
cordone ombelicale? Sappiamo dove va a finire e perchè viene tagliato così in fretta? Secondo questo contributo il lembo di pelle escisso potrebbe quindi, se ho compreso bene, contribuire a
produrre un'estesa parte di tessuto organico compatibile. 



Zret 07/04/2012 19:11


In primo luogo, ben tornato. Il tema è molto delicato. L'ufologo Nigel Kerner, sulla base di studi altrui, opina che la circoncisione degli Ebrei avvese un ruolo nell'ibridazione genetica (vedi
sotto) Lo storico Flavio Barbiero afferam che i giusti che Dio intendeva salvare dalla distruzione di Sodoma e Gomorra erano i circoncisi. Che io sappia finora nessuno ha compiuto uno studio
monografico sulla circoncisione in ambito ufologico: è lacuna che spero sia colmata presto.


Ciao


http://www.ufodigest.com/news/0110/our-fathers.php

Ghigo Battaglia 07/05/2012 13:12



Grazie, sicuramente il senso di tale pratica è legato ai noti fattori esterni. Forte è il senso di reificazione dell'uomo che emerge comunque! Ciao, G.B.