Sandy Hook: Controllo Mentale

Pubblicato il da Ghigo Battaglia

 
       
Controllo Mentale realizzato attraverso la diffusione di informazioni sfarfallanti
di Jon Rappoport - 19 Dicembre 2012 
 
No, non sto parlando del tremolio dell'immagine televisiva. Sto parlando di un interruttore on-off che controlla le informazioni trasmesse al pubblico televisivo. Gli omicidi della scuola ‘Sandy Hook’ ne sono un esempio. Prima di tutto, l’elite che controlla la copertura mediatica di questa tragedia ha un unico obiettivo: fornire una narrazione estesa di quello che è successo. E' una favola. Ogni favola ha una trama.
 
Per raccontare la favola, ci deve essere una fonte di informazioni. Le televisioni sono sempre pronte a dare informazioni ma da dove le prendono? Dai loro giornalisti più giovani? Non proprio: in ultima analisi, l'informazione proviene da parte della polizia e da funzionari locali. In altre parole, accade molto poco di ciò che possiamo chiamare ‘giornalismo’. I giornalisti sono gli addetti alle pubbliche relazioni della polizia! Questo non ha nulla a che fare con il giornalismo. Niente.
 
(…) Non sappiamo quali prove sono state approfondite e quali volutamente ignorare. Non sappiamo se ci fossero poliziotti corrotti che sono stati indotti a fornire prove fasulle. E’ sempre la polizia che periodicamente da informazioni ai media. I giornalisti girano questi tabulati di informazioni al pubblico. Così, quando la polizia dice ai giornalisti: "Abbiamo inseguito un sospetto nel bosco sopra la scuola", ciò diventa un fatto televisivo. Fino a che non è più un fatto. La polizia, per qualsiasi strano motivo, decide di abbandonare l'intero "sospetto nel bosco" in un angolo. Perché? Non ne ho idea. Pertanto, i media non ne fanno menzione.
 
Invece la polizia si concentra su Adam Lanza, che viene trovato morto nella scuola. Così sono i giornalisti televisivi, che non hanno più riferito del sospetto nel bosco. Quel filo di indagine è vecchio ed è andato nel dimenticatoio. Che cosa significa questo per il pubblico che ha seguito la narrazione in televisione? Questo crea un effetto di sfarfallio. Un'ora fa, c’era un sospetto nel bosco. Ora, quel sospetto se n’è andato. On-off! E' stato, ora è spento. Si tratta di una rottura nella logica. Non ha senso. Questo è il punto.
 
Lo spettatore medio pensa: "Vediamo un po’, c'era un sospetto nel bosco. I poliziotti lo stavano inseguendo. Ora non esiste più. Non sappiamo il suo nome. Non sappiamo perché è fuori dal radar. Non sappiamo se è stato arrestato. Non sappiamo se è stato interrogato. Ok, credo che dovrò dimenticare tutto su di lui. Mi limiterò a tenere traccia di ciò che la TV mi sta dicendo. Sta raccontando la favola. Devo seguirne la sua storia."
 
Questo è stato solo uno sfarfallio. Altri verificano. Il padre del fratello di Adam è stato trovato morto. No, aspetta … la madre di Adam è stata trovata morta. Va bene. Adam ha ucciso tutti questi bambini con due pistole. No, aspetta … ha usato un fucile. E' stato con un Bushmaster. No, era una Sig Sauer. Un arma è stata trovata nel bagagliaio di una macchina. No, aspetta … tre armi.
 
Ad ogni punto successivo, un fatto precedentemente riportato viene sganciato e dimenticato, per essere sostituito con un fatto nuovo. Il telespettatore deve dimenticare, insieme con il giornalista della televisione. Lo spettatore vuole seguire la narrazione in via di sviluppo, quindi deve dimenticare. Egli non ha altra scelta se vuole "restare nel giro." Ma questo effetto di sfarfallio fa qualcosa alla mente dello spettatore. La sua mente non è più nitida. Non è in grado di generare domande. La Logica è stata scaricata. Domande e dubbi evidenti sono stati accantonati. "Come hanno potuto pensare che fosse il padre morto nel New Jersey, quando in realtà era la madre morta nel Connecticut?" "Perché dicono che ha usato due pistole quando era un fucile?" "O ​​era davvero un fucile?" "Ho sentito di un ragazzo con la macchina fotografica che diceva che c'era un altro uomo ed i poliziotti lo avevano catturato e steso a terra di fronte alla scuola. Cosa gli è successo? Dov'è andato? Perché non è il giornalista a tenere una traccia di lui?"
 
Tutte queste domande ovvie e ragionevoli devono essere dimenticate, perché la storia televisiva si sta muovendo in un territorio diverso, e lo spettatore vuole seguire la storia. Questo effetto sfarfallio costante produce eventualmente nel telespettatore ... passività. Si arrende alla narrazione in corso. Questo è il controllo della mente.
 
Per il giornalista televisivo, non è un problema. Il suo compito è quello di muoversi senza soluzione di continuità, attraverso un sempre crescente serie di contraddizioni e dettagli di scarto, per mantenere la narrazione in corso, per mantenerla credibile. Lui sa come farlo. Ecco perché è giornalista. Egli può far sembrare come se la storia fosse una scoperta sempre più su ciò che è realmente accaduto, anche se il suo racconto è disseminato di indizi abbandonati e vicoli ciechi e senza senso non seguiti. E lo spettatore ne paga il prezzo. Impantanato in una accettazione passiva di ciò che l'anchor man gli sta dicendo. (…)
 
L'effetto cumulativo è devastante. La possibilità, per esempio, che Adam Lanza non sia stato il killer, ma solo un capro espiatorio. La possibilità che i poliziotti nascondevano prove e fu loro ordinato di rilasciare altri sospetti è impensabile. Considerando che ci è sembrato non esserci nemmeno un genitore arrabbiato perché oltraggiato a Newtown (perché i produttori di rete non permettono mai che un genitore possa essere intervistato dalla videocamera), ciò non si verifica mai per lo spettatore.
 
Chiedersi perché il medico di Adam Lanza non è stato trovato e interrogato circa i farmaci a lui prescritti, non è nella mente dello spettatore. L'effetto sfarfallio delle informazioni è potente. E spazza via il pensiero indipendente e la contemplazione misurata. Essa esclude di certo la possibilità di immaginare gli omicidi in una narrazione alternativa. Poiché vi è un solo racconto.
 
Loro producono sfarfallio sì e sfarfallio no. Essi pubblicano e tagliano e scartano su misura mentre vanno avanti. Sì, no, sì, no. Acceso, spento, acceso, spento. E gli spettatori seguono, in uno stato di ipnosi.
 
Perché? Perché gli spettatori sono dipendenti dalla FAVOLA. Essi sono così solidamente dipendenti come un drogato alla ricerca della sua prossima dose. "Raccontami una storia. Voglio una storia. E' stata una bella storia, ma ora mi annoio. Dammi un'altra storia. Per favore? Ho bisogno di un'altra storia! Dimmi l'inizio e la metà e la fine. Sto ascoltando. Sto guardando. Raccontami una storia!" E il giornalista acconsente. Ciò riguarda la droga.
 
Ma per ottenere il farmaco, il pubblico deve cedere tutto ciò che potrebbe far sorgere domande. In realtà, deve arrendersi all'effetto di sfarfallio che approfondisce la sua dipendenza. E l'affare di droga è stato consumato. Benvenuti nella copertura televisiva. Infine, mentre è sotto ipnosi, il pubblico cerca la visualizzazione su ciò che riguarda ... le pistole. Qualcosa deve essere fatto con le armi. Il controllo mentale è una operazione che ha portato il pubblico passivo fino a questo punto, e poi lo porta al momento successivo della resa, come se fosse parte della stessa storia generale della Sandy Hook: Abbandona le armi.
 
Nel loro stato trascinato e di trance mentale, gli spettatori non si chiedono perché le forze dell'ordine sono così titanicamente armate per fare il lavoro della polizia in America, perché tali agenzie hanno ordinato ben più di un miliardo di cartucce negli ultimi sei mesi, per cui ogni giorno in cui la sorveglianza invasiva della popolazione si muove lo fa sempre più in profondità. Gli spettatori, nella loro trance, semplicemente presumono che il governo sia benevolo e che debba essere dotato di armi fino ai denti, perché questi spettatori non riconoscono che le anchor televisive sono in realtà alleati del governo e loro portavoce, e non sono quelle anchor buone e gentili e premurose ed intelligenti e onorevoli? Pertanto, non è anche il governo gentile e onorevole?
-
-
-
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post