Riflessioni Pasquali

Pubblicato il da G B

.

PASQUA

.

E’ già purtroppo il terzo anno consecutivo che, nel periodo pasquale, inserisco questa immagine, ‘la crocefissione chimica’, che credo sia esplicita e non necessiti di ulteriori commenti. Invito tutti a diffondere, magari regalando agli interessati ‘chiavette’ di memoria, il documentario ‘Bye bye Blu Sky’, reperibile a questo  LINK. Si tratta di un lavoro di qualche anno fa piacevole, per quanto possa permetterlo l'argomento, ben documentato, chiaro ed esplicito. Suggerisco la lettura di questi articoli correlati, QUI e QUI. Buona Pasqua.  

Vorrei infine condividere alcune riflessioni personali sui tanti luoghi comuni da sfatare, scegliendoli solo 4 a piacere.

1° luogo comune: la Terra è sovrappopolata. Occorre ridurre il numero complessivo della popolazione mondiale. In caso contrario le risorse necessarie per la sopravvivenza finirebbero presto. Non è così. Chiunque può constatare come esistano sul pianeta spazi immensi disponibili alla crescita felice della popolazione mondiale. Se ciò non accade è solo perché chi dirige ‘la giostra’ conduce il tutto con un piglio dittatoriale, imponendo stili di vita deleteri da svolgersi in contesti urbanistici surreali, generando conflitti evitabili ed infondendo in tutti paura ed ansia.

2° luogo comune: l’inquinamento è prodotto dai comportamenti erronei del singolo. Falso. L’inquinamento è il prodotto di logiche di mercato ed esigenze strategiche geopolitiche, le cui direttive provengono dai vertici decisionali mondiali e non certo dalla base sociale della popolazione. Nessuno si senta in colpa. Il singolo semmai subisce le decisioni prese a monte suo malgrado ed è soggetto alla propaganda mediatica continua che ne influenza, in peggio, il comportamento, le decisioni, le finalità.

3° luogo comune: i cambi climatici sono la conseguenza dell’azione antropica sul pianeta Terra. Parzialmente falso. Sulle responsabilità del singolo si veda il punto 3, sulla responsabilità antropica, si deve necessariamente fare riferimento ad una fetta esigua della popolazione, i capi della filiera, che decide gli indirizzi futuri, soprattutto nel settore dell’energia e dell’ambiente. Il SOLE infine è il vero motore del sistema solare. Ai suoi ritmi e cicli sono correlate le ere terrestri e l’alternarsi di periodi freddi e caldi, anche laddove i cicli appaiano anomali. Le operazioni di geoingegneria clandestina in atto da decenni infine (scie chimiche e sistemi del tipo ‘haarp’) agiscono sul clima planetario, essendo in grado di provocare alluvioni, siccità ed altri eventi estremi che coinvolgono la biosfera e la crosta terrestre.

4° luogo comune: i mega stati centrali sono essenziali per garantire a tutti sicurezza e prosperità. Falso. Si può constatare invece come siano spesso i piccoli stati a garantire ai cittadini maggior sicurezza e prosperità. Le mega strutture statali, tipo la Comunità Europea, hanno invece indotto una depressione economica e psicologica. L’allontanamento dei centri di potere dal controllo diretto della popolazione induce solo rancore, amarezza e disinteresse. Le grandi organizzazioni direttive servono solo agli alti burocrati ed ai loro mandanti per accrescere il loro potere ed ampliare le loro sfere di influenza.

.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

giovanni ranella 04/26/2014 13:55


è tutto così talmente ovvio che ti si toglie il senso solo a voler esprimere una naturale constatazione! Alla fine è il loro modus operandi...non hanno forse fatto santo il massacratore d'Ipazia?
L'infame Cirillo che peraltro appiccò pure il fuoco alla biblioteca di Alessandria e che amava circondarsi di turbe rozze e violente che continuamente incitava ad esprimere il peggio di sé per
sterminare tutti quei nuclei di famiglie che a quei tempi ancora rimanevano devoti ai culti Aviti.


A ogni modo tra colombe della pace predate in volo e croci divelte non si prospetta un buon auspicio da questi segni e un istituzione che fa vanto di avere un canale privilegiato con la
dimensione trascendente non può non ricavare un grave monito da ciò, per quanto pubblicamente dimostri di minimizzare l'accaduto. Se domani San Pietro verrà flagellata da un nubifragio tanto
forte da poter evocare quello che fermò Annibale alle porte di Capena allora a presagio verrà sommato altro presagio.


Un saluto a voi amici 

Ghigo Battaglia 04/27/2014 10:36



Sono d'accordo come sia poco accorto minimizzare l'accaduto. Un presagio è un presagio.



Zret 04/26/2014 11:37


Innumerevoli gli indizi simbolici legati a quest'abominevole opera scultorea: tra gli altri il giorno in cui fu eretta, il 5 novembre, stesso giorno della congiura delle polveri per opera di Guy
Fawkes, agente papista, il cui simbolo, una grossa V allude al Vaticano, come cuore nero della cospirazione mondiale ed arcontica. 


ciao 

Ghigo Battaglia 04/26/2014 11:51



Appare incredibile come le amministrazioni locali, la curia e le persone non abbiano gridato allo scandalo nel momento della sua erezione! Quella croce pendula era
un'offesa per tutti, evidentemente già allora destinata a rovinare. 



Zret 04/26/2014 11:11


Sì, Giovanni, ha interpretato perfettamente questi sinistri ed ominosi presagi. Santificati un papa massone ed un altro affiliato alla C.I.A. E' un sacrilegio oltre che un gabbo per i fedeli
sciocchi. 


 


 

Ghigo Battaglia 04/26/2014 11:23



Giovanni è sempre un ottimo 'sismografo'! Roma è vuota di cittadini ma invasa da tonache multicolori e fedeli con zainetti multicolori rigonfi di panini mal
imbottiti e bevande calde all'aspartame, sotto un'imminente pioggia chimica annunciata. Il massacro di corpi e menti evidentemente continua ... guardate l'orrore della cosiddetta 'croce
assassina' quando era in piedi qui, ciao:  


http://www.globonews.it/si-spezza-la-croce-del-cristo-redentore-di-cevo-in-valcamonica-uccide-un-ventunenne/



giovanni ranella 04/25/2014 20:45


Tra le riflessioni pasquali inserirei l’evento luttuoso della croce crollata a suo tempo eretta in onore di G.P.II in concomitanza con la sua santificazione parodistica assieme a quella del
Massone Roncalli. Un presagio è un presagio. Lo si chiami con il suo nome. Così come presagi sono stati i rapaci che hanno attaccato e ucciso le colombe fatte volare da Bergoglio, e come fu un
presagio la croce di legno, alta circa tre metri, simbolo delle Giornate mondiali della gioventù, che si spezzò sulla barca (il battello ‘Rhein Energie’) che doveva accogliere Ratzinger o il
controverso abbattimento del fulmine stesso sul cupolone di San Pietro la sera delle sue dimissioni. La santificazione di Wojtyla è un atto vergognoso http://www.vip.it/hans-kung-giovanni-paolo-ii-non-merita-di-essere-santo/ e il teologo qui rimane morbido omettendo la collusione di Giovanni Paolo II
con Marcinkus e il riciclo dei soldi della Banda della Magliana nonché la copertura di molteplici scandali finanziari e l’amicizia ostentata con infami dittatori quali furono Aristide e
Pinochet.


I cattolici dovrebbero indignarsi e invece accorrono in pecorona massa a plaudire il falso pauperismo di Bergoglio e la
messinscena diabolica dei falsanti. Se questa non è un adunata oscura funzionale ad una sorta d’inconsueta forma di moderno vampirismo sull’uomo allora cos’è? Sono sicuro che Domenica a infelice
coronamento della bieca cerimonia non mancherà la tessitura chimica del cielo.


 
Consiglio la visione del film "I banchieri di dio" del regista Giuseppe Ferrara

 

Ghigo Battaglia 04/26/2014 11:09



In effetti tali presagi sono inquietanti. Sincronicità o meno che sia, sorprende la tempistica degli eventi. Posso solo aggiungere come la croce sia una struttura in se instabile, con baricentro
alto ed un notevole momento alla base. La croce assassina caduta comunque, a mio parere, era una scultura satanica perché era curvata con il Cristo quasi appeso all'ingiù, l'avete
vista? Appare inoltre strallata a terra, difficile farla cadere senza volerlo. Andate a leggervi questo articolo:    
http://apocalisselaica.net/varie/miti-misteri-e-poteri-occulti/croce-assassina-lesperto-in-simboli-presagio-funesto-per-la-cristianita 



Zret 04/19/2014 19:02


Concordo in toto. Purtroppo è più facile spezzare un atomo che un pregiudizio, come diceva colui. 


Ciao 

Ghigo Battaglia 04/26/2014 11:04



Ciao e grazie Zret