Propaganda Erotica

Pubblicato il da G B

. 

Un altro personaggio da tenere d’occhio è  Michael Douglas. Dopo la messinscena di  Angelina Jolie, che si è fatta asportare i seni per timore di un improbabile futuro tumore, ora siamo alle prese con i cunnilingus (pratiche di sesso orale) del celebre attore statunitense e della sua compagna, Catherine Zeta Jones. La storiella in sintesi è questa: l’attore praticando sesso orale ha sviluppato un cancro alla gola perché la Jones era affetta dal Virus del Papilloma.

 

Anche questa volta siamo di fronte ad una forma astuta ed indiretta di propaganda e pubblicità sulle pericolose vaccinazioni contro il Papilloma?

 

Utilizzare un celebre attore, pregiudicandone così per sempre la privacy, per queste ‘esternazioni’ mi sembra una spregevole azione dal punto di vista morale ma un’ottima trovata pubblicitaria. Le masse maschili saranno così redarguite a dovere sulla necessità di far effettuare le pericolose vaccinazioni contro il virus papilloma alle proprie compagne femminili mentre quest’ultime non si dovranno sentire così egoiste dal non tutelare la salute dei propri compagni solo per evitare una ‘innocua’ iniezione! Partecipare inoltre a questa campagna di vaccinazione permetterebbe alle signore interessate di 'partecipare' indirettamente allo status aureo dei popolari attori in questione.

 

Il tumore alla gola di Michael Douglas quindi è stato associato alla presenza del virus nella sua compagna, con quale sicurezza se la ‘scienza medica’ non sa neppure come e perché si formano i tumori?

 

Comunque sia la bomba propagandistica è stata lanciata in pasto alle masse obbedienti. Il messaggio che deve prevalere su tutti è quello della necessità di fare prevenzione, anche su malattie improbabili o, addirittura, ‘non malattie’. Prevenzione vuol dire medicalizzazione forzata, asportazioni chirurgiche, analisi intrusive e soprattutto le amatissime quanto pericolosissime vaccinazioni. Che necessità c’è di imbottire quest’ultime con preparati neurotossici (come il mercurio) e sterilizzanti? Per immunizzare la popolazione dalle malattie occorrerebbero centinaia di vaccinazioni diverse e, sempre immaginando che siano realmente efficaci, quante sostanze pericolose entrerebbero allora nel corpo degli umani?

 

Le  reazioni avverse alle vaccinazioni sono moltissime: solo in quella ‘contro’ il papilloma virus se ne contano oltre 9.000 (novemila) dal 2006, anno in cui è iniziata la campagna di vaccinazione, tra cui 27 decessi e 28 aborti spontanei. Perché tutto ciò accade? Per preservarsi da una improbabile malattia futura? Lo sanno bene i genitori meglio informati che si tormentano al momento delle vaccinazioni dei loro figli. Si vuole far passare l’informazione che a causare i tumori siano i virus ma nessuno ne ha la certezza. Di Virus del Papilloma inoltre, pare ne esistano decine di tipi diversi e che la ‘copertura’ vaccinale attuale ne contempli solo una parte. Ovviamente però nel dubbio, secondo le multinazionali dei farmaci, è sempre meglio ‘prevenire’ con una bella vaccinazione di massa, no?

 

Sulle vaccinazioni si veda inoltre qui e qui.  

.

Commenta il post