Miliardi, Siccità ed Inondazioni

Pubblicato il da G B

.

Alluvioni in Italia, siccità in  Spagna, dove le perturbazioni potenzialmente piovose vengono sistematicamente deviate dalle consuete operazioni di geoingegneria clandestina (scie chimiche e sistemi ad emissione di onde elettromagnetiche). In California la stessa musica: si assiste ad una siccità generalizzata, la più estrema degli ultimi 500 anni, con il suo potente corollario di incendi.

 

La geoingegneria colpisce per finalità distruttive, a nulla valgono gli alibi posticci della mitigazione del riscaldamento globale (quest'ultimo poi probabilmente inesistente)! Vengono deviate le perturbazioni da alcuni territori per concentrarle in altri creando quegli sfasci che tutti possono osservare. In Italia, subito dopo il regalo di 7,5 miliardi di Euro alle banche private, siamo stati colpiti da inondazioni generalizzate. E’ solo un caso oppure si è voluto reprimere sul nascere un eventuale moto di sdegno della popolazione? E’ ovvio che l’individuo alle prese con le cantine allagate, con i treni che deragliano e le coltivazioni andate 'in fumo' non si possa occupare degli scempi che avvengono in dimensioni parallele, quelle dell’alta finanza, appannaggio esclusivo delle classi dominanti. Se un treno costiero deraglia, vuol dire che la TAV, al sicuro sotto le montagne, diviene necessaria per la nostra sicurezza? La SICUREZZA … figlia dell’EMERGENZA.

La perniciosa cultura dell’emergenza, in nome della quale sono sospese tutte le garanzie civili: il sogno di ogni buon globalista! Non siamo noi oggi sotto la tutela di governi d'emergenza, nati sotto auspici artificiali? ‘Bombe d’Acqua’ le chiamano ... il doppio senso è voluto? La bomba è un ordigno deliberatamente costruito e diretto verso l’avversario. Ma allora, l’avversario siamo noi?      

.

Commenta il post

Zret 02/02/2014 18:38


Intendo di una verità censurata e schiacciata. 

Zret 02/02/2014 18:36


E' così: la prima vittima della verità è la lingua piegata ad usi perversi e sottilmente fallaci. 


 


Ciao