Lettera Aperta al Presidente

Pubblicato il da G B

.

Ricevo questa lettera firmata che rendo pubblica, omettendone il mittente:

.

Ill.mo Sig. Presidente Giorgio Napolitano,

le sottopongo il contenuto di questa proposta con carattere d’urgenza con lo scopo di risolvere temporaneamente ma in modo rapido ed effettivo le devastanti conseguenze che la crisi finanziaria che stiamo vivendo sta apportando alla vita di moltissimi cittadini italiani:

Per risolvere con la necessaria sollecitudine il problema della povertà nel nostro paese, in rapido ed allarmante sviluppo, propongo che chiunque sia al servizio dello Stato, compensato con un salario che ecceda i 4.000 euro mensili, doni 1/5 della sua retribuzione per la costituzione di un fondo di solidarietà che abbia come unico scopo quello di inviare direttamente tali denari ( che stimerei come sufficienti) agli italiani meno abbienti e che versano in serie difficoltà economiche. Tale misura non inficerebbe l’alto tenore di vita dei ‘donanti’ ma potrebbe drasticamente migliorare quello dei ricevitori di tale doveroso contributo.

Spero che lei si faccia primo promotore di questo provvedimento che potrebbe durare almeno finché non sia passata questa crisi finanziaria (di cui purtroppo non si intravvede la fine) e non si sia recuperato lo slancio produttivo proprio del nostro paese.

Mi permetto di segnalare, per l’individuazione dei cittadini possibili destinatari di tale ‘aiuto’, istituzioni quali le parrocchie, i municipi, le organizzazioni riconosciute di volontariato e l’efficientissimo fisco italiano (Agenzia delle Entrate ed Equitalia assieme) che si dimostrano assai solerti e precisi nell’individuazione delle anche più minute ‘evasioni’, in modo che trasferiscano questa loro indubbia qualità a favore di una misura per l’immediato beneficio per tutti.

Mi permetto infine di ricordarle come il nostro inno nazionale cominci con la frase ‘Fratelli d’Italia’ a cui spero questo provvedimento dia corpo e senso.

Grazie per l’attenzione,

distinti saluti, XXX YYY

.

Commenta il post

Elyah 03/17/2014 18:22


spero che la lettera sia sarcastica, altrimenti denota una inconsapevolezza totale di come gira il mondo da parte di chi l'ha scritta...


Quella dell'inno "Fratelli d'italia" fatta notare ad un fratello Massone come il presidente della repubblica delle banane è la ciliegina sulla torta...

Ghigo Battaglia 03/18/2014 08:33



Sono sicuro che possieda una 'sfumatura' ironica ma è utile per dimostrare come sia semplice redistribuire la ricchezza dello stato verso tutti i cittadini di
questo stato. I problemi economici riguardano solo una fetta specifica della popolazione, ne è prova l'aumento delle vendite nel settore delle auto di lusso. E' ovvio comunque che la
proposta inserita nella 'lettera' non verrà mai presa in considerazione anche se sarebbe facilmente percorribile. Ciao e grazie per il commento.