La TecnoMagia del Mondo Disney

Pubblicato il da Ghigo Battaglia

 
-
La Disney non cessa mai di stupire. Ora propone un’esperienza innovativa per la visita ai suoi stucchevoli e pacchiani parchi tematici noti come Disney World o Park (1). La scontata ed infantile ‘esperienza’ potrà venire accompagnata da un sistema di comunicazione reciproca del visitatore con i centri di gestione del 'parco', tramite i braccialetti dotati dell'apparato RFID (Radio Frequency Identification) da affibbiare ad ogni giovane visitatore. Ciò secondo la Disney sarà in grado di garantire un ‘salto di livello’ per l'ospite che avrà a disposizione il suo pacchetto ‘MyMagic+’ in grado di personalizzare e rendere più fluida la propria visita. Il tutto viene assecondato dal braccialetto ‘FastPass+’ che contiene il fatidico RFID. Ora, appare chiaro come si tratti di un sistema di identificazione e tracciamento del giovane visitatore del tutto inutile o quasi. A pensare male … non è che si vuole abituare i giovani alle lusinghe del sistema RFID con il tramite delle seducenti strutture ‘magiche’ del mondo Disney? Abituare i giovani e le loro famiglie alla loro presenza creando un’insana connessione tra emozioni, divertimento e sistemi di tracciabilità coatta?
L’abolizione del denaro contante e la tracciabilità del singolo individuo sono solo due degli aspetti secondari del nuovo ordine mondiale che desidera ardentemente un pianeta di esseri ‘radiocontrollati’ in cui nulla e nessuno possa sfuggire ad una supervisione totalizzante.
Davvero mi è difficile immaginare chi voglia un pianeta ridotto in questo modo. Ma la risposta è tutta nel libro della rivelazione (12:14-18):
‘(..) Faceva sì che tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi ricevessero un marchio sulla mano destra e sulla fronte; e che nessuno potesse comprare o vendere senza avere tale marchio, cioè il nome della bestia o il numero del suo nome. Qui sta la sapienza. Chi ha intelligenza calcoli il numero della bestia: essa rappresenta un nome d'uomo. E tal cifra è seicentosessantasei.’
Semplice, no? Peccato che tali sistemi a radiofrequenza siano sospettati di essere cancerogeni e di interferire con il funzionamento neurobiologico umano naturale. Ciò è quello che sappiamo, chissà cos'è quello che ci sfugge?
-
-

Commenta il post