La Strage degli Innocenti

Pubblicato il da Ghigo Battaglia

 

Stride parecchio, vedere questo ‘vecchio’ video di bassa propaganda, vero? Sembrano davvero gli urlacchianti e tronfi cinegiornali dell'isituto Luce nell'era fascista. Nel frattempo, la mortificazione materiale e psicologica delle popolazioni occidentali procede senza sosta: privando il tessuto sociale della possibilità di condurre una vita serena e produttiva, si da il via ad un processo di annichilimento a spirale senza ritorno che lascia presagire conseguenze assai gravi. Che la legge marziale sia un’eventualità presa in serissima considerazione dalle autorità statunitensi non dovrebbe quindi meravigliare nessuno. Procede spedita anche l’operazione di avvelenamento della vita sul pianeta nota come scie chimiche che, nel contesto in cui agisce, chiarisce sempre più le motivazioni che ne sono alla base: deprimere le esistenze.

 

Avvolti in un campo elettromagnetico di oscura utilità, prodotto dalle migliaia di orridi dispositivi sparsi nel territorio anche nei lidi più improbabili, siamo costretti a navigare a vista in mari artificialmente sconvolti ed imprevedibili. Mi ha colpito l’articolo di Franceschetti (1) che dimostra senza possibilità di dubbio che l’Unione Europea (che ha prodotto dei figuri del tipo di Monti, della serie: 'aridatece Er Batman'! senz'altro il male minore...) è stata concepita per creare un recinto contenitivo delle migliori speranze di popoli, un tempo fieri e battaglieri.

 

L’annichilimento delle risorse umane migliori è un fatto che dovremmo approfondire. Il Giappone è ormai avvolto da una coltre radioattiva e nessuno sa cosa ne sarà delle sue generazioni future. Australia, Usa, Canada, Messico, Europa Unita e paesi limitrofi sono sotto il tiro biochimico degli avvelenatori. Sembra davvero che le parti potenzialmente emergenti e più tendenzialmente indipendenti del globo siano state costrette in uno stato complessivo compromesso. Occorre ricordare come queste motivazioni sataniche siano alla base, da decenni, ad operazioni coatte in campo medico (vaccinazioni) educativo (scuola coatta) informativo (media) e geopolitico (guerre, stati e diplomazie).

 

Sapere che l’Unione Europea getta dalla finestra 32.000.000.000.000 delle vecchie lire e che al suo interno molti dei suoi propri cittadini languono nell’indigenza, dovrebbe far riflettere anche chi si è accorto dell’anomalia dei sistemi ma si ostina a credere in un loro malfunzionamento passeggero. Annichilire i popoli è la funzione primaria della contenzione coatta chiamata Unione Europea, non una sua deriva imprevista. Gli esperti di marketing la definirebbero la sua ‘mission’.

-

Se una struttura pervasiva ed intoccabile come la forma stato che ci contiene trama contro di noi, come possiamo comportarci? Svelato il sottilissimo velo che nascondeva l’oscena realtà, cosa ci si aspetterebbe dal genere umano? Una rivolta sanguinosa? Una resistenza ad oltranza? Nulla di tutto ciò: i registi della contenzione sono stati abili nel ridurre in mille pezzi ciò che un tempo si definiva contiguità, unità d’intenti, solidarietà. Viviamo in contesti sfilacciati ed inavvicinabili, immagino sia quasi impossibile costruire una qual sparuta forma di resistenza condivisa. Dobbiamo anche riconoscere che le cosiddette rivoluzioni del passato o le ridicole rivolte del presente sono state spesso orchestrate da chi le ha provocate. Forse l’unica strada che ci rimane è quella indicata da Corrado Malanga: una elevazione coscienziale personale (2). Non il ‘salto spirituale’ della new age, ma una decisa forma di elevazione delle nostre coscienze, magari tramite quella che Giovanni Ranella (3) definisce ‘disciplina felice’. Qualcuno ha un’idea migliore?

-

(1) http://paolofranceschetti.blogspot.it/2012/09/i-recenti-provvedimento-del-governo.html

(2) http://www.corradomalanga.vacau.com/

(3) http://fragmenta2011.blogspot.it/

-

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

Zret 10/06/2012 18:34


Di fronte all'enormità di un male tentacolare, le reazioni degli eroi mi sembrano simili a quelle di bambini che, nei loro giochi immaginari, combattono con mostri cattivissimi,
brandendo una spada di plastica. Alla fine del gioco, si ritrovano con la spada incurvata o spezzata, comunque inservibile per i fendenti inferti contro muri e tronchi d'albero. Forse
occorrerebbe qualcosa di più di un appello alla coscienza o ad una disciplina primigenia: sono richiami lodevoli e generosi, ma che lasciano un po' il tempo che trovano. Che cosa proporrei?
Non lo so: a volte si ha l'impressione che il destino sia inscalfibile.


Ciao

Ghigo Battaglia 10/07/2012 20:26



Ciao Zret e complimenti per i tuoi ultimi post, davvero profondi ed utili. La cappa mortifera chimica sopra le nostre teste è un peso che scalfisce le migliori
speranze e non vorrei aggiungervi altro. Una disciplina personale, vissuta nella pienezza e nella condivisione, è un presupposto per difendersi e mantenere un qual limite inviolabile intorno
a noi stessi. Occorrerebbe poi un secondo passo verso un'unità d'intenti e d'azione. La prima c'è, la seconda lascia un pò a desiderare. Tendere ad un sereno distacco è un modo
forse necessario per conservare non certo per scalfire il muro. Eppure l'eroe nasconde un ideale insostituibile ed un 'memento' per tutti: una funzione ineliminabile. Grazie Zret, un caro
saluto, G.B.     



claudio 10/04/2012 14:09


Ma, soprattutto, i registi della contenzione sono stati abili a scristianizzare la società in cui viviamo.  In "Orientamenti" Evola faceva giuustamente
notare come un fattore religioso è necessario come sfondo per una vera concezione eroica della vita. Bisogna sentire in se stessi l'evidenza che al di là di questa vita terrestre vi è una più
alta vita, perché solo chi così sente possiede una forza infrangibile e sarà capace di uno slancio assoluto.

Ghigo Battaglia 10/05/2012 08:42



Sicuramente il messaggio cristico è ostile ai piani dei registi della contenzione. Dove ci sono argomenti scomodi, fanno di tutto per eliminarli e la Chiesa di Roma,
nonostante le sue manchevolezze e la sua palese partecipazione al grande ferale progetto, è costretta (in un qual modo) a veicolare il messaggio puro che le sta alla base anche se oscuri
personaggi al suo interno fanno di tutto per nasconderlo. Grazie per il commento Claudio, ciao.