L'Uomo: un Sistema Aperto

Pubblicato il da Ghigo Battaglia

dna

 

L’uomo, parrebbe essere un sistema aperto. Non un costrutto materiale cartesianamente delimitato dalle sue estensioni spaziali ma un complesso insieme capace di interagire con l’ambiente esterno in modo dinamico e continuativo. Un sistema di relazioni quindi anziché un individuo. Ciò che sembra distinguere una persona dall’altra consisterebbe nella capacità e nella qualità di informazioni che è in grado di ricevere e comunicare: elaborare. Un ‘elaboratore di informazioni’ multilivello, che opera in ambienti differenti incessantemente, capace di partecipare ad uno sviluppo complessivo e collettivo.

Volendo quindi annichilire tale sorprendente essere, basterebbe operare sul suo livello comunicativo: impedendo le sue relazioni, a partire da un livello empirico e distante, via via verso le dimensioni più intime e profonde, partendo dai cerchi esterni e raggiungendo il nocciolo contenente la sua essenza: il dna.

Il dna, è oggi infatti considerato come una specie di antenna ricetrasmittente. Non un codice operativo del tipo ‘matrice meccanica’ quindi, come era stato considerato fino a pochi anni fa, ma un apparato in grado di comunicare e ricevere informazioni per il tramite della luce. Ciò che chiamiamo vita quindi potrebbe rivelarsi come un sistema energetico complesso ed imprevedibile, situato in ambienti disparati.

Questo tipo di approccio ontologico, alle frontiere della scienza più evoluta, potrebbe aiutarci a comprendere ciò che viene definito il parassitaggio animico. Potrebbe cioè chiarire la possibilità che questo sistema aperto ha di partecipare, suo malgrado, a forme di interazioni coatte. Blocchi di informazioni potrebbero insediare l’integrità di una persona in una dimensione energetica multilivello. A guardia di una persona, a sua protezione e controllo, parrebbe essere posta una catena di ‘difensori’ che mostra talvolta pecche e lacune in grado di permettere l’ingresso e l’attecchimento di tali blocchi di informazioni malevole, in disaccordo armonico con una vibrazione specifica ed originaria.

Questo incredibile essere, vivendo così di interazioni, si nutrirebbe di simboli e li elaborerebbe incessantemente. Intervenire in questo ricco mondo di relazioni energetiche permetterebbe di sfruttare questa capacità potente e multidimensionale, agganciandosi alla potenza sua propria, evidentemente singolare.

Altro imperativo per permettere il controllo e lo sfruttamento di questo essere, è la scansione e la compartimentazione delle informazioni. Più la comunicazione viene tenuta sincopata e ‘inscatolata’ in recinti chiusi e non comunicanti, più si rende difficile collegare il tutto e permettere così un ‘salto di livello’ energetico; è un po’ come avere a disposizione un camino, della legna ed un accendino e non poter immaginare la loro unione in un magnifico e salvifico fuoco ristoratore.

Considerarci quindi interattivi e comunicanti potrebbe aiutarci a far luce su alcuni aspetti del reale che stentiamo a comprendere. Tenere presente la singolarità della nostra natura ci aiuterebbe a far luce sulle dinamiche di manipolazione chimiche, biologiche ed elettromagnetiche del nostro ambiente e comprenderne l’utilità di azione multilivello. Una pressione omogenea e costante infatti sembra spingerci in una direzione data. In noi c’è l’energia, la volontà ed i mezzi per respingerla indietro, tutto sta nel percepirla, nel prenderne coscienza.

Prenderne coscienza quindi potrebbe significare, effettuare quel ‘salto quantico’ energetico adiuvato dall’acquisizione di informazioni. Ecco perché la consapevolezza è il timore principe di chi desidera detenere il controllo su di noi. Ecco perché si bruciano i libri in piazza: perché il libero pensiero fa paura: è energia. Conoscere è porsi in una condizione energetica elevata, sempre più lontano dalle possibili insidie e dalle azioni manipolatorie.

 

http://www.naturalismedicina.it/articolo.asp?i=758

-

http://www.mednat.org/cure_natur/DNA_antenna.htm

-

http://www.corradomalanga.vacau.com/index.php?option=com_content&view=category&id=21&Itemid=115

-

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post