Ipnosi, Uomini, Grifasi e gli ET

Pubblicato il da G B

 

AVVISO: LA LETTURA DEI CONTENUTI DI QUESTO ARTICOLO NON E' CONSIGLIATA AI MINORI 

 

Sono disponibili on-line alcune sedute condotte da Calogero Grifasi, ipnologo e terapeuta della sfera eterica  umana. Le sedute consistono in un processo di individuazione e liberazione dalle interferenze aliene, ossia dalle interazioni malevole tra un essere umano ed una o più entità aliene, sovrapponibili agli immaginari storicizzati della demonologia.

Le modalità di interazione possono avere diverse finalità e modalità, possono avvalersi o meno di dispositivi di tracciamento e controllo elettronici, ma avvengono tutte nella condizione di clandestinità: L’alieno fa di tutto per non destare la coscienza, nel suo sfruttato umano, della sua presenza.

Lo scenario che emerge dall’insieme è sovrapponibile a quello dei ricercatori più evoluti del fenomeno, Corrado Malanga in primis: gruppi di entità non umane, tecnologicamente evoluti e differenziati tra di loro per gerarchie, si affannano a sfruttare l’energia degli esseri umani cibandosene, spesso anche letteralmente.

L’essere umano, seppur da loro considerato un’entità inferiore, possiede una forma di energia potente ed ambita che le loro razze non possiedono. Succede in una qual forma, ciò che accade nell’interazione tra esseri umani ed animali, che sfruttiamo per nutrirci, per divertirci o per utilizzarli al nostro posto in occupazioni particolari.

Il metodo adottato da Grifasi è semplice ed efficace. Egli si avvale della sola ipnosi ma condotta sovente per mezzo di un medium, una terza persona che si connette telepaticamente al soggetto desideroso di aiuto.

Dai ‘colloqui’ tra Grifasi ed entità aliene, emerge un quadro di sfruttamento organizzato del genere umano da millenni ed altri aspetti davvero interessanti. Alcune razze dominatrici sono, come si dice, ‘alla frutta’: non possono riprodursi ed hanno poca energia così che il loro destino sembrerebbe segnato. Tali razze sono le più accanite nello sfruttamento dell’essere umano, unica barriera tra loro e la loro fine.

Il nemico più efferato di tali entità è la consapevolezza umana. Più gli individui sono coscienti di ciò che gli accade e più sono in grado di liberarsi dallo sfruttamento alieno, tornando in una condizione di indipendenza e libertà.

Ogni forma di interazione con l’alieno è essenzialmente negativa. La liberazione avviene con la modifica delle frequenze di vibrazione e con lo sganciamento dei parassiti dalla mente e dal corpo dell’essere umano.

Nelle pratiche di liberazione di Malanga, la liberazione avviene oggi in forma trasferita con l’ausilio di sfere colorate (ad ogni colore corrisponde una frequenza) oppure di frequenze sonore. Nelle sedute di Grifasi, è l’ipnologo che conduce il gioco: utilizza un tono perentorio eppure misurato, conducendo una tenzone sottile con l’alieno parassita che lo conduce poi a chiederne il suo allontanamento volontario oppure coatto.

Le ipnosi di Grifasi quindi, appaiono come un ulteriore importante contributo a delineare la storia infelice delle interazioni tra umani ed alieni con i loro corollari di potere, malesseri, ‘satanismo’ ed infelicità.

Invito i lettori ad ascoltare la trasmissione Border Nights (link qui sotto) e ad ascoltare alcune sue ipnosi nel suo corposo eppur minimale canale youtube.

Due ultime osservazioni: le cosiddette ‘mantidi’ vivrebbero sotto la superficie marziana e sarebbero collegabili al mondo egizio antico. Esse utilizzano razze inferiori per compiere dei lavori specifici.

La pedofilia consisterebbe in un inganno alieno verso gli umani. Alcuni alieni avrebbero convinto alcuni esseri umani deleteri che l’abuso ed il sacrificio di minori ‘avvicinerebbe a dio’ in quanto sarebbe possibile sfruttare in questo modo la forte energia della purezza infantile. Il satanismo cruento quindi avrebbe una motivazione sorprendente ed una origine non umana. Ricordiamo come la pedofilia sia un orribile ‘filo rosso’ del potere mondiale: un’inconfessabile attitudine di alcuni personaggi mostruosi che sovente risiedono nei livelli più elevati del potere terreno. A tale proposito, si leggano le conclusioni di alcuni articoli dell’Avv.Paolo Franceschetti, per rendersi conto della vera natura di quella ‘cupola’ disgustosa che governa indebitamente il genere umano.


http://www.calogerogrifasi.it/it/

http://paolofranceschetti.blogspot.it/

http://www.spreaker.com/user/bordernights/border-nights-puntata-136-05-11-2014


Commenta il post

corrado penna 11/16/2014 23:57


Esatto Ghigo, sempre di parassiti si tratta, siamo alla mercè di parassitosi fisica e animica; forse la conoscenza dell'una, in qualche modo (quanto meno per analogia)  porta luce all'altra

Ghigo Battaglia 11/17/2014 09:38



Senz'altro Corrado. I metodi di parassitaggio sono molto simili. I parassiti si muovono in clandestinità, con la simulazione e l'inganno e le
conseguenze sono comunque danni all'essere umano ed indebolimento delle sue qualità fisiche e psichiche.



corrado penna 11/11/2014 13:11


interessante articolo, che quasi per magica coincidenza viene pubblicato in sintonia con quello mio e quello di zret sull'argomento


 


Ho molti dubbi invece sui reali intenti e su alcune teorie diFranceschetti, sebbene alcune sue indagini siano interessanti.

Ghigo Battaglia 11/14/2014 20:42



Si Corrado, è vero. Purtroppo questi argomenti non riescono a 'bucare' l'attenzione dell'opinione pubblica, chissà perchè...evidentemente è troppo scomodo e faticoso
ammettere tali interferenze. Somiglia molto all'imbarazzo sul tema del parassitaggio 'fisico' che tu da mesi stai giustamente diffondendo. Sempre di forme di parassitaggio si tratterebbe,
no?


Franceschetti credo sia davvero in buona fede. Lui affronta le malvagità da un suo punto di vista, decodificando ciò che riesce a scorgere. Un contributo senz'altro
utile e lodevole, a mio parere.


Grazie per il commento Corrado, un saluto   



Zret 11/10/2014 11:55


Concordo in linea di massima con te, carissimo Ghigo. Non credo che la bellezza di una sinfonia o di una lirica redimano il male del mondo, tuttavia sono molto importanti poiché ci lasciano
intuire la magnificenza della creatività, la sublimità dell'ispirazione. L'uomo, e non solo l'uomo, tende verso l'alto, quindi verso sfere di esistenza in cui la sofferenza e le brutture siano
meno influenti, se non trascese. Ecco che allora gli alieni spregiudicati rischiano di essere l'ostacolo par excellence. Se, finita questa esistenza, ci scaraventassero in una vita infernale,
anche a prescindere da meriti e conquiste? 


Vedi http://zret.blogspot.it/2014/11/truman-cash-ed-il-destino-dellanima.html


Sottoscrivo il discorso sulla Coscienza: niente e nessuno potrà strapparla a chi la possiede. Certo non ci riusciranno con la loro mirabolante tecnologia. 


A presto! 

Ghigo Battaglia 11/10/2014 12:23



Si, le opere del passato sono specchio di tensioni superiori, di creatività questa si divina. Io credo che le reincarnazioni non ci vedranno spettatori inerti.
L'uomo consapevole è anche in grado di gestire quei passaggi. E' per questo che non vogliono farci prendere coscienza di ciò che eravamo? In questo il pensiero gnostico ci aveva visto lungo e
bene. Che grandi anonimi personaggi!


Ho letto il tuo post, molto interessante come sempre. Leggerò appena possibile le opere di Cash.


La tecnologia è e sempre sarà un surrogato di qualità superiori, grazie ancora Zret, a presto   



Zret 11/09/2014 16:50


Ho seguito l'intervista su Bordernights. E' molto istruttiva. Ora, riassumendo direi che Grifasi conferma quanto ipotizzano gli ufologi "pessimisti". Se ho ben compreso, soggiace alle sue analisi
una concezione che collide con il filone New age e tradizionale, secondo cui il ciclo karmico non ha una funzione di crescita né è destinato ad interrompersi, a causa del controllo esercitato da
entità spregiudicate. Idee simili sono quelle di Fiorella Rustici. La domanda che si pone è la seguente: come uscire dal ciclo di reincarnazioni, come por fine a questo infernale eterno ritorno
nietzchiano? 


Ciao 

Ghigo Battaglia 11/10/2014 10:59



Carissimo Zret, io ci sto bene in questo mondo! Lo trovo interessante e divertente. Se non ci stessi bene e se non ci tenessi, non mi adopererei per far conoscere a
chi posso raggiungere le operazioni di inquinamento intenzionale che osserviamo da decenni. Premesso ciò, io sono certo che gli Anunnaki non sono mai andati via, hanno cambiato pelle (come i
serpenti) ma insistono sul vessare i popoli a loro assegnati, proprio come faceva il crudele Yahweh. L'uomo a mio avviso è davvero capace di imprese meravigliose, basti osservare i quadri di
Piero della Francesca o del Mantegna per rendersene conto. E' per quello che ci battiamo, no? Certo è capace anche di azioni deplorevoli e disumane...disumane, oppure no?


Che gli ET siano benevoli o malevoli...su questo a ragione Malanga: si fanno i cavoli loro. Sfruttano e prendono ciò che gli conviene prendere. A volte
danno alcuni benefici ma sempre a loro vantaggio finale. Resta il fatto che il loro peggior nemico sia la coscienza umana. Un uomo cosciente è meno aggredibile e capace anche di aiutare gli altri
uomini. Su questo gli gnostici avevano visto lungo, no? Il prossimo ciclo sarà un periodo di maggiore consapevolezza generale? Può darsi, ciò spiegherebbe la fretta maldestra di alcuni parassiti
disumani.


Ciao e grazie per il tuo commento