I Semi Inumani della Transbiologia

Pubblicato il da Ghigo Battaglia

 

  

Un altro anno è passato pericolosamente per il pianeta Terra, sotto una coltre imperante di nanoparticelle di ricaduta dalle scie chimiche, che scherma ormai il sole donando a tutto dei riflessi metallici iridescenti. A livello della biosfera l’azione delle radioonde copre già buona parte degli spazi abitati, con la puerile scusa di volerci dotare di dispositivi senza fili sempre più efficienti. La flora è allo stremo: le alberature secolari sono malate ed ingiallite senza che nessuno o quasi se ne accorga. L’avanzata degli organismi ogm è inarrestabile nonostante i goffi e tardivi tentativi degli stati di porvi rimedio che assomigliano più a ‘contentini’ dati in pasto alla popolazione che ad azioni efficaci di contrasto, data la palese collusione dei vertici di potere con le oscure aziende che operano nella manipolazione genetica. La comunicazione di tutti i media dà il suo contributo distraendo ed irretendo le coscienze con successo, abituando la moltitudine umana a mettersi in coda per comperare l’ultima cazzata tecnologica invece di adoperarsi per la propria sopravvivenza. Internet resta un minuto spazio apparentemente libero, in realtà è, con ogni probabilità, un mezzo efficace per il controllo e la schedatura minuziosa delle coscienze. Complimenti ed auguri per un buon 2012.

La Transbiologia ci porterà, secondo Sofia Smallstorm, a diventare schiavi senzienti asessuati ed asserviti ad una esigua fetta della popolazione (i 7 nani di Biancaneve oppure gli alieni ‘grigi’, per intenderci: vedi link a fine articolo) in un contesto ambientale da tregenda: sterile, trasfigurato, silenzioso ed irriconoscibile: una Palingenesi tecnocratica fredda e spietata: solo distruzione, null’altro. E’ inutile che continuino ad instillarci la seduzione per le macchine, l’abbiamo capito: la tecnologia è la trappola. Resta da capire, con l’immaginazione, chi possa essere l’operatore di tanta rivoluzione planetaria!

Nel frattempo un appello ai lettori: non dotatevi di dispositivi wi-fi, non ingerite spazzatura ogm, diffondete le vostre consapevolezze: aprite un blog…è gratis e facile, non lasciate da soli chi si occupa di queste tematiche e che sente il dovere di diffonderne le atroci verità: supportate i blogger tramite le azioni che loro stessi indicano. Tramutiamo la consapevolezza in azione prima che sia troppo tardi.

 

http://www.911weknow.com/about-the-sky/transbiology

 

http://freeskies.over-blog.com/article-biancaneve-e-i-sette-nani-61626570.html 

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post

wlady 01/02/2012 12:07


Ciao Ghigo, siamo messi male, qui a Milano l'emerito sindaco ha già stabilito wi-fi in ogno dove, in comune, c/o le scuole e gli enti in tutti i luoghi pubblici, con la scusa della modernità,
quando è risaputo ormai da tanti studi, che questa tecnologia è deleteria per l'essere umano, non bastano le irrorazioni igroscopiche, adesso anche il wi-fi.


Ma non è finita, per gli OGM c'è una chicca, la Commissione Europea ha dato il via libera il 22 dicembre, all'importazione e alla trasformazione di tre varietà di mais OGM, destinati sia alla
alimentazione animale che umana, nonostante la contrarietà degli stati membri dell'unione europea, e della posizione sfavorevole di gran parte dei cittadini.


La ditta in questione è la solita holding "Monsanto", è un virus virulento che non molla, per un progresso discutibile, a fronte di un lucro per pochi.


wlady

Ghigo Battaglia 01/02/2012 14:18



Ciao Wlady e buon anno! Purtroppo non appena cominciamo a mobilitarci per qualche 'male' eccone fuori un altro ancora più insidioso...e stiamo parlando dei soli
visibili! A Roma i parchi pubblici sono zone wi-fi...i luoghi del verde, della memoria e dello svago (soprattutto per bambini) sono inquinati dalle temibilissime radioonde. Noi abbiamo rinvenuto
delle pubblicità italiane degli anni '70 in cui si propagandava l'acquisto di sementi ogm, segno che li stiamo già mangiando da 40 anni! Tornare indietro è ormai impossibile ma potremmo fare
moltissimo se solo riuscissimo a tramutare il pensiero in azione. Grazie e a presto, G.B.