Evideon

Pubblicato il da G B

.

ANTONELLOMATRIX

.

 Evideon è un avvincente lavoro scientifico di Corrado Malanga. Mentre i fisici planetari si ostinano a ricercare la particella di massa ‘archetipica’ (il cosiddetto Bosone di Higgs, la particella di dio), sperperando tra l’altro miliardi di euro pubblici inutilmente, altri scienziati suggeriscono l’immaterialità del mondo che ci ostiniamo a definire ‘reale’ ma che si presenta a noi sempre più come un costrutto immateriale definibile sinteticamente come virtualità.

 

Di questa virtualità non siamo meri osservatori ma creatori compartecipi ed in virtù di questa proprietà siamo potenzialmente ‘divini’, capaci cioè di modificare tale 'mondo delle apparenze'. E' la proprietà che gli astronauti arcontici (yahweh e compagni) riscontravano con timore in Adamo ed Eva dopo l'intervento del 'serpente' ed il fattaccio della mela. La cacciata dal paradiso terrestre, ben lungi quindi dal rappresentare una colpa od una punizione è stato il momento d’inizio del glorioso cammino della consapevolezza umana che decise così di ‘fare esperienza’ calandosi in questo denso mondo virtuale per conoscere in definitiva se stessa, le sue origini ed il suo funzionamento più intimo.

 

L’uomo nacque ‘scisso’ per esigenze di controllo: Shiva e Vishnù rappresentano bene la dualità primordiale che regge e controlla questo costrutto virtuale. Recuperare l’unità perduta non significa quindi un misitcheggiante tornare a dio ma prendere consapevolezza della parte di divinità presente in noi stessi. Anche l’amore svolge un ruolo fondamentale in questo cammino permettendo questa unione mirabolante per prendere coscienza della meraviglia riposta in ognuno di noi. Il Buddha diceva amare se stessi e poi conoscere se stessi. Amarsi, unire, conoscere e riconoscersi, un piccolo segreto dalle conseguenze eccezionali. Interessante nel lavoro è la fusione sincretica di discipline tenute appunto scisse dal mondo accademico ufficiale di chiara matrice arcontica: psicoanalisi, fisica, biologia, matematica, filosofia, antropologia, linguistica.

 

Ovviamente ogni contributo umano è da sottoporsi al nostro unico giudizio, proprio come la centralità di questo lavoro scientifico suggerisce. Buona lettura:  qui.

.

Commenta il post

cinzia 08/14/2013 10:43


condivido tutto, parola per parola. l'illusorietà di questo mondo, le nostre capacità co-creative...grazie!


p.s. il link all'articolo non funziona


 

Ghigo Battaglia 08/30/2013 19:21



Grazie, ora controllo il link, comunque è tutto sul sito CoMa