Estinzioni, Migrazioni, Interrogativi

Pubblicato il da Ghigo Battaglia

 

-

I movimenti di popolo non sono stati quasi mai frutto del caso o della necessità. Dietro ai nomadismi od alle tante diaspore si cela spesso un disegno di ordine superiore, una chiamata degli dei o dettami di altrui esigenze lontane ed imperscrutabili. Secondo Sitchin, financo la nostra presenza sul pianeta risponde a queste esigenze oscure! I movimenti migratori sono sotto l’attenzione dei pochi che li dirigono, organizzano, ostacolano oppure facilitano.

 

L’Italia che è da sempre una grande nave che accoglie visitatori d’ogni dove, conosce bene questo fenomeno. Salvador Freixedo dimostra che il popolo Maya proviene da piccole tribù indiane d’America che hanno seguito la ‘chiamata’ di un dio elusivo per recarsi ad altezze vertiginose a migliaia di chilometri di distanza per elevare costrutti impensabili e dalle funzionalità ignote, laddove vi è addirittura poco ossigeno per vivere! Inutile rammentare le peripezie dolorose del popolo ebraico al seguito dei voleri del suo dio elusivo. Anche le odierne migrazioni non sono moti naturali di popoli ma flussi ingegnerizzati di colonizzazione e modifica dei territori.

 

Entità extradimensionali hanno bisogno di mano d’opera che non pensa e che possa garantire loro ciò di cui hanno bisogno senza protestare: un nuovo ordine mondiale appunto. Le genti autonome e libere vengono oggi annichilite in tutti i modi mentre vengono esaltate le genti che storicamente sono disponibili ad un superlavoro defatigante vissuto nell’ossequio del potere e nell’ignoranza non colpevole dei propri diritti in quanto esseri umani. Ogni arma è utile per annichilire popoli potenzialmente pericolosi: scie chimiche, radiazioni, tsunami e terremoti, crisi ‘economiche’.

 

Avrete notato tutti che la mano d’opera è stata quasi interamente delocalizzata nell’oriente del mondo? Che futuro hanno in mente i signori elusivi di tanta opera di modellazione? Per l’Italia un futuro neomedievale in cui scienza, religione, fede e politica possano integrarsi in un'unica espressione del potere? Una parodia dei tempi che furono?

 

Il controllo dei flussi migratori rientra in questa operazione progettuale delle terre e delle genti. L’islamizzazione dell’Europa quale logica persegue? Il video che riporto è forse allarmistico ma veritiero. Non sono d’accordo nelle sue conclusioni ma della sua analisi c’è poco da dire: è corretta. L’Europa si inoltra verso un futuro islamizzato. Ciò è un bene od un male? Forse non esiste il bene o il male così come un cacciavite non è migliore di un martello: sono solo utili strumenti di manipolazione di qualcosa il cui costrutto finale ci sfugge. Resta il fatto che la parte migliore della nostra cultura viene spazzata via ogni giorno che passa per fare posto alle pieghe più insensate della nostra stessa natura in un crescendo di perdita di senso, indipendentemente da chi o cosa verrà a sostituirle. Secondo me ogni religione canonizzata è una trappola per animi ingenui per cui non si tratta di conflitti teologici ma di eventi prettamente umani. Libertà è il bene supremo e temo davvero che sia l’ultima istanza di cui tengono conto i nostri modellatori occulti ed anzi, forse la loro prima preoccupazione. Libertà vuol dire pensiero. Articolare la mente e lasciarla correre implica un pericolo troppo grande per loro. Come sarà l’Europa del futuro? Una trappola per gentili? Abbandoniamo le nostre città agli orientali che le hanno ormai colonizzate: chi può opporsi ai voleri di un dio? Solo la nostra volontà può opporsi a questi eventi. Ma la volontà abbisogna di lucidità per svilupparsi. Il bene, il buono ed il bello, spesso, coincidono con sorprendenti conseguenze. La fine del pensiero scientifico galileiano è forse una causa di codesto cambiamento?

-

http://www.youtube.com/user/friendofmuslim

-

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post