DMT: la Chiave di Volta?

Pubblicato il da G B

 

Esiste in natura una sostanza davvero stupefacente, il suo nome è Dimetiltriptamina, in sigla: DMT. Tale sostanza è originariamente endogena, ossia è prodotta all’interno del corpo umano e specificatamente dalla ghiandola pineale. E’ inoltre presente in numerosissime specie animali ed anche vegetali. Tale molecola ha il massimo della concentrazione nel sangue umano, statisticamente, tra le 3 e le 4 di notte, la cosiddetta ‘ora del diavolo’, l’ora in cui sono riferite accadere il maggior numero di ‘abduction’ (rapimenti di esseri umani ad opera di alieni) da chi queste esperienze le ha subite e le subisce tutt’oggi: gli addotti.

Perché associare la DMT con la sindrome da Abduction? Perché nei resoconti personali di molti soggetti volontari, ai quali è stata sperimentalmente somministrata DMT sintetica, affiorano ricordi abbastanza netti e precisi, sovrapponibili ai resoconti degli addotti. In poche parole, la DMT produce gli effetti di una abduction: prelevamento dal proprio letto, paralisi motoria, analisi visiva da parte di piccoli esseri ‘grigi’, interventi medici invasivi su di un lettino freddo, presenza di altri esseri più alti e potenti simili a grossi rettili od a giganteschi insetti.

Il tema è assai spinoso e cruciale, le testimonianze delle cavie da DMT facevano riaffiorare ricordi extradimensionali oppure producevano allucinazioni di tipo condiviso e seriale? E’ difficilissimo districarsi in questo labirinto che sembra non obbedire più a nessuna delle regole logiche che ci hanno inculcato nel cervello sin dalla più tenera età. In aiuto ci giunge il completo e tempestivo libro di Enrica Perucchietti che già dal titolo pone al lettore il quesito di fondo: ‘DMT, Terzo Occhio od Inganno dello Spirito?

Quesito non da poco: esistono razze aliene che manipolano e predano il pianeta Terra da sempre, oppure sono solo il frutto di allucinazioni ‘chimiche’ ed il pianeta viene manipolato e predato solo da umani psicotici? In fondo che cambia? Cambia molto invece saperlo, ma temo che non riusciremo a definire tale questione mai per un problema di settaggio sensoriale umano che vede proprio in questa difficoltà limbica, quella cioè di attraversare differenti stadi di percezione e riconoscerli come reali o meno, il perno della questione. Viviamo evidentemente confinati in una dimensione fisica che alcuni autori gnostici non hanno tardato a definire come una 'prigione'.

Personalmente ho assistito ad alcuni racconti di ‘addotti’ che non lasciavano spazio a dubbi, eppure evidentemente l’essere umano non può esperire tali realtà se non con l’ausilio di sostanze che parzialmente produce ‘in proprio’. Due aspetti aggiungo alla questione. Il primo riguarda la nostra ghiandola pineale che le industrie alimentare e quella farmaceutica (e non solo) fanno di tutto per ridimensionare e rendere inattiva (chissà perché). Il secondo aspetto è interessante: gli sciamani o chi si occupa di viaggi astrali o premonizioni sembra non avere effetti collaterali dall’assunzione di DMT. La molecola ha una concentrazione nel loro sangue sempre assai sopra la media e vicina al punto di saturazione. E’ come se tutti i ricettori neuronali di DMT fossero già ‘occupati’ dalla molecola ‘magica’ e non siano in grado di acquisirne di nuova di origine esterna. Le capacità medianiche sono il frutto di questa sovrapproduzione di DMT? E’ la molecola DMT la chiave di lettura del nostro essere multidimensionali ma con i sensi ‘settati’ solo per percepirne una piccola parte, una dimensione sola? Domande a cui il libro della Perucchietti tenta di dare esauriente risposta, lasciando però al lettore il giudizio finale. Aggiungo solo in ultimo, l’interesse sospetto per i centri occulti di potere (pubblici e privati) verso tutte le droghe e gli allucinogeni in particolare, guarda caso vietati dalle leggi di quasi tutti i paesi. Buona lettura.

http://www.enricaperucchietti.it/dmt-terzo-occhio-o-inganno-dello-spirito/


Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

Avalon Carr 05/15/2014 13:17


Non ho letto il libro della Perrucchietti ma la tesi che tu riporti non e’
troppo originale, l’aveva gia’ avanzata qualche decennio fa anche Graham Hancock nel suo “Sciamani”.  Non so quanto possa essere corretta. Anni
addietro ho personalmente preso parte a Pucallpa, nella Amazzonia peruviana, a delle cerimonie con l’ayahuasca. Come si sa, il decotto di  ayahuasca,
con l’aggiunta della pianta chakruna, contiene la molecola del DMT.  Nel corso delle 5 cerimonie a cui ho partecipato, suddivise in 15 giorni di
soggiorno (detto purga, o dieta) nella giungla, sotto l’assistenza di uno sciamano locale, non ho mai sperimentato visioni simil-abduction, ne ho mai visto entita’ simil grigi o rettiliani. Era
gia’ uscito “Communion “ e il tema abduction era noto, avremmo riconosciuto un quadro simile. Nessuno dei “colleghi” partecipanti  ha riferito
esperienze aliene. Ogni genere di entita’ affacendate, ma non alieni. Quasi tutti abbiamo”visto” la nostra morte, il nostro smembramento, in modi piu’ o meno cruenti, ma ci e’ stato detto che era
il modo in cui lo spirito della pianta ci faceva partecipare a una nuova rinascita nostra verso una maggiore consapevolezza.


Sono senz’altro esperienze nelle quali le nostre sovrastrutture logico
razionali non sono d’aiuto, xche’ davvero non c’e’ modo di comprendere con l’intelletto quello che ti accade. Percepisci con ogni poro che tutto e’ vivo, pietre, piante, zolle di terra, umidita’
nell’aria. Senti la connessione che ti lega alla terra. Riconosci l’essenza umana di chi ti sta di fronte e comprendi il significato del termine “fratellanza”. Poi torni in Europa, questo luogo
senza spirito, e il confronto con questo grande obitorio, asettico, spersonalizzato, dove la gente non ti guarda in viso, ti colpisce duramente.

Ghigo Battaglia 05/15/2014 14:38



Ciao, grazie intanto per il tuo contributo esperienziale che hai condiviso con noi. Premetto che condivido in pieno la visione che hai di questa parte di mondo,
purtroppo dilagante in ogni dove. Nel post ho riferito di esperimenti fatti in ambito clinico, riportati nel libro della Perucchietti, che forse potrebbero avere influito sulle percezioni poi
testimoniate. Non saprei, devo però sottolineare l'importanza di questi reportage 'estatici' di cui tu hai fatto esperienza personale...che coraggio! Devo invece confessarti che temo ogni
sostanza psicotropa, per cui non ho esperienze dirette in posposito da riferire. Comunque le sensazioni del tipo 'abduction' sono state associate alla sola DMT e, da quanto so, altre sostanze non
porterebbero a quello specifico tipo di esperienze. Spero che La Enrica Perucchietti possa intervenire personalmente in proposito. Il tema è avvincente e credo assai critico. Ciao