Controllare le Frequenze

Pubblicato il da G B

 

Nel 1939, la Germania nazista imponeva un nuovo standard musicale interno: il settaggio del LA a 440 Hz. Prima di tale imposizione, il settaggio del LA era a 432 Hz, la sua frequenza naturale, frutto di precise armonie e corrispondenze matematiche. Prima ancora, Giuseppe Verdi già si versava in un accorato appello verso il governo di Roma affinché si tornasse alla frequenza naturale di 432 Hz (oggi definita la frequenza 'verdiana') in luogo di quella imposta dai francesi a 435 Hz. Insomma, attorno al settaggio ed all’imposizione del LA, concorrono personaggi, governi, nazioni, musicisti e produttori di strumenti musicali. Oggi la situazione è maggiormente complicata dall’avvento della digitalizzazione del suono e dalla necessità di convertirlo in onde sonore. I dispositivi di conversione sono stati settati ultimamente sulla frequenza disarmonica ed innaturale di 440 Hz (quella nazista!) mentre alcuni musicisti ‘nostalgici’ (ed acuti osservatori) continuano ad opporsi a questa imposizione ISO, utilizzando accordature basate sui naturali 432 Hz.

Palo Franceschetti, il noto Avvocato, scrittore e ricercatore viterbese, ha raccontato in un suo post di un suo cliente, un produttore di amplificatori audio, che aveva subito pressioni distruttive di origine massonica. Nonostante le accurate ricerche non si riusciva a venire a capo del motivo di queste deleterie attenzioni finché non si è compreso che il cliente costruiva i suoi amplificatori su di un settaggio naturale di 432 Hz. Le operazioni di sabotaggio erano quindi probabilmente associabili alla volontà di impedirgli di continuare oltre con la sua produzione a beneficio delle frequenze naturali.

Cosa possiamo evincere da tutto ciò? Che il controllo delle frequenze sia un affare serio, molto serio. Diffondere frequenze disarmoniche favorisce l’insorgere di comportamenti innaturali nell’uomo e concorre a disturbarne i processi mentali. Si tratterebbe quindi dell’ennesima forma di inquinamento intenzionale dell’ambiente antropico, di quella biosfera che contiene in delicatissimo equilibrio ogni forma di vita. Modificare le frequenze è una forma di inquinamento sottile ma dalle conseguenze impensabili. Non si tratta di dettagli da musicofili ma di una parte di un progetto di degenerazione indotta dell’ambiente naturale. Una parte del tutto, fatto di radiazioni elettromagnetiche, inquinanti biochimici, manipolazioni genetiche, radioattività e di chissà quali altre forme di inquinamento di cui non percepiamo l’esistenza. Alterare la frequenza di accordatura porta a modificare (anche se in modo quasi impercettibile) tutta la musica prodotta ed ascoltata del mondo!

Occorre per ultimo ricordare come il Prof. Corrado Malanga stia lavorando da anni al TST (Triad Sound Test), un metodo di liberazione degli addotti dai parassiti extradimensionali fondato sull'uso di specifiche frequenze sonore e non solo di colori come avviene attualmente con il validissimo TCT (Triad Color Test).  

Conoscere è potere. Possiamo comperare un vecchio diapason a 432 Hz per accordare i nostri strumenti oppure calibrare quelli elettronici su tale armonica frequenza. Per i dettagli sul tema, segnalo i seguenti ottimi link, buona ricerca:

http://www.mutatemente.com/432hz.html

http://www.sandalogiordano.it/432_hz.html

http://www.mfrecording.net/Scientifica432hz.asp

http://www.corradomalanga.com/coma/


Commenta il post

paolo 05/23/2014 20:26


Non capisco che cosa c'entri un amplificatore, che è un dispositivo elettronico, con la frequanza dei 432 Hz. Che io sappia sono gli strumenti musicali che vanno accordati su una data frequenza
ma non gli amplificatori o i preamplificatori. Se qualcuno sa offrirmi delucidazioni in proposito, ben vengano.

Ghigo Battaglia 05/23/2014 21:32



Mi sto informando meglio Paolo, devo ammettere di possedere una conoscenza solo superficiale in merito. Sto chiedendo lumi però a fisici esperti ed
a compositori, a breve quindi pubblicherò ulteriori informazioni. So solo che sull'emanazione di onde sonore in generale esiste un controllo stretto. Controllare le frequenze in senso esteso
poi (non solo sonore quindi) sembra essere uno degli elementi più importanti del nwo. Leggi comunque nel frattempo i link a fine post, mi sembrano molto esaurienti. Ciao e grazie